Ken Griffey Jr, mister 500

E’ finalmente arrivato lo storico record dell’esterno dei Reds, cui i media facevano la posta da settimane

Dopo una settimana di attesa e nel giorno della festa del papà Ken Griffey jr ha finalmente ottenuto il suo fuoricampo numero 500 davanti, ovviamente, ai suoi figlie ed a suo padre. Il record di Griffey è arrivato al sesto inning ed a servirgli la palla decisiva è stato Matt Morris dei Cardinals che aveva già concesso una bomba da tre punti a Jason La Rue. Si tratta del sesto giocatore più giovane ad ottenere questo risultato, arrivato per la verità dopo alcuni anni di appannamento causati soprattutto da molti infortuni. Questo record arriva proprio nell'annata in cui Griffey sembra tornato quello di un tempo e fa ben sperare per il futuro di questo giocatore e di Cincinnati. La partita si è poi conclusa 6-0 per i Reds ben sostenuti dal partente Bong per 6 riprese.
Il solito passaggio a vuoto di Contreras eun errore di Matsui sono costati la vittoria agli Yankees sui Dodgers per 5-4: i californiani hanno segnato 4 punti al secondo inning e poi più niente sul cubano. Il quinto punto è entrato poi al settimo sul rilievo Quantrill a causa di un errore dell'esterno giapponese. Duello di lanciatori tra Tampa Bay e Arizona in una gara chiusa sul 2-1, per la squadra della Florida: bene sia Hendrickson che Webb sul monte ma quest'ultimo ha concesso il punto decisivo nonostante abbia indotto la battuta di Brito in doppio gioco al terzo inning. Un'altra ottima prestazione dal proprio lanciatore partente ha dato la vittoria ai Blue Jays su San Diego: stavolta è stato Bautista a reggere 7 riprese senza subire punti. Decisivo in attacco Orlando Hudson con 2 su 4 ed un fuoricampo. Nonostante un confronto tra Jason Schmidt e Bronson Arroyo non dovrebbe presentare incognite i Giants ci hanno messo 7 inning per venire a capo del partente dei Red Sox: il 4-0 finale è maturato tutto al settimo con un grande slam di Edgardo Alfonzo, sul primo rilievo dei Red Sox, dopo che le basi si erano riempite su un texas di Bonds, contestato perché secondo i più la difesa era riuscita ad ottenere l'out in terza.
I Rangers si sono imposti ai Marlins all'undicesimo inning per 4-2, dopo che sia Burnett che Rogers avevano ben controllato i line up avversari. E' stato Blalock a decidere la partita con un fuoricampo da due punti a Billy Koch sempre più in crisi nonostante la sua dritta da 100 miglia all'ora. Quattro punti segnati tutti al nono inning hanno dato la vittoria agli Orioles sui Rockies: fallimentare prova del closer Chacon: che ha concesso un grande slam con due out a Brian Roberts al suo secondo homer stagionale. I Cubs si sono imposti 5 a 3 agli A's costringendo Barry Zito a scendere dopo 5 riprese con 4 punti subiti (l'ultimo su fuoricampo di Derrek Lee) e poi hanno retto la rimonta avversaria che ha fruttato 2 punti al nono, grazie soprattutto ad un ottimo Zambrano. Vittoria per i Twins sui Brewers, grazie ad un ottimo Johan Santana, finalmente al livello che ci si aspetta da lui: 8 riprese e ben 12 strike out con solo 4 valide concesse. Risultato finale di 4-2 cui lo stesso Santana ha contribuito con un singolo da un punto. Un'ottima prova dell'alterno Wade Miller ha portato Houston alla vittoria per 3-1 su Anaheim: i californiani non sono stati penalizzati dall'uscita al terzo inning di Washburn per problemi alla schiena, ma sono stati annullati in attacco lasciando ben 11 uomini in base. Due fuoricampo da due punti sono stati la spinta decisiva di Thome ai suoi Phillies che hanno vinto agevolmente sui Royals per 8-2 segnando 7 punti nelle prime tre riprese. Importante anche il fuoricampo interndo di Jimmy Rollins da tre punti. Un'altra faticosa vittoria dei Mariners in testa dall'inizio mase mpre rntuzzati dai Pirates fino al 5-4 finale maturato all'ottavo. Solida la prova di Freddy Garcia sul monte per 6 riprese in cui ha concesso 2 punti. Si è risvegliato infine Richard Hidalgo dopo il suo arrivo a New York: lui e Piazza hanno guidato i Mets al cappotto nella miniserie con i Tigers con un homer ciascuno. Infine il giovane Jason Davis ha tenuto il monte con autorità per 7 riprese contro i vecchi marpioni di Atlanta e gli Indians si sono imposti per 5 a 2 anche graze ad un suo fuoricampo (prima valida in carriera).

Informazioni su Ivano Luberti 324 Articoli
Ivano è cresciuto in Maremma dall'eta' di 6 anni e ha visto la sua prima partita di baseball a 9 anni. Ha abbandonato la sua passione per il batti e corri a 19 anni quando si è trasferito a Pisa per l'Universita' e lo ha riscoperto dieci anni dopo quando ha cominciato ad utilizzare Internet per lavoro. Si definisce uno spettatore informato con una logorrea innata che ha deciso di sfogare scrivendo qualche articolo, dopo che il forum di Baseball.it non gli bastava piu'. Laureato in Scienze dell'Informazione e informatico di professione crede nella cooperazione al punto di aver fondato una cooperativa a Pisa, città dove risiede e che purtroppo è un deserto per lo sport che ama.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.