Intervista a Medina e Morville

Dopo un trittico più sofferto del dovuto per Grosseto diamo la parola ai manager

Partiamo subito dal manager della squadra ospite Medina.
Visto i risultati e l’andamento delle tre partite, questo week-end è stato più difficile del previsto.
‘Si, qui è stato difficile. Comunque va detto che nel baseball non è mai facile, bisogna sempre giocare al massimo per ottenere i successi”.
Dopo la prima giornata di ritorno la classifica vi vede in testa con solo tre sole sconfitte, un andamento positivo.
‘stiamo attraversando un buon momento, stiamo giocando bene. C’è la voglia di andare avanti e proseguire su questo andamento”.
Quando pronunciamo la parola scudetto, scaramanticamente preferisce non parlare.


Passiamo ora a Carlo Morville manager dell’Anzio.
In questo week-end avete dato filo da torcere ai primi della classe.
‘Abbiamo lottato, purtroppo abbiamo battuto poco. Però va preso atto che avevamo di fronte una squadra forte con dei lanciatori molto bravi. Noi siamo stati bravi a limitare il distacco, a stare sempre vicini con il punteggio.
Nella corsa alla salvezza sembra essersi fatto fuori il Paternò dopo il trittico vinto con il Nettuno. Su che farete la corsa ora? ‘Dobbiamo fare la corsa sul San Marino che è quella che si trova immediatamente sopra a noi, poi bisogna vedere le altre squadre, qualcuna potrebbe tornare in zona rischio”.
Alla salvezza ci credete.
‘Noi andiamo avanti convinti che per la salvezza ce la giocheremo fino alla fine. Ora andiamo a Rimini e cercheremo di portare a casa qualche successo. Abbiamo un solo grande problema, battiamo poco, mentre in difesa ci stiamo comportando bene, anche i lanciatori sono migliorati molto”.

Informazioni su Francesco Cenci 77 Articoli
Esperto di tennis, Francesco entra a Baseball.it grazie all'amicizia di Giovanni Del Giaccio collega della rivista "Il Granchio" di Anzio, con cui collabora da sei anni occupandosi dell'Anzio baseball. Dopo venti anni passati sui campi da tennis, raggiungendo buoni risultati, appende la racchetta al chiodo per problemi di lavoro. Da quattro anni lavora nel caotico e frettoloso mondo del cartone.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.