Ufficializzati i draft 2004 delle Majors

Si contano molti ‘figli d’arte” di grandi personaggi delle Majors come Viola, Weaver, Drew e Francona – I San Diego Padres ingaggiano l'interbase diciottenne Matt Bush, prima scelta assoluta

Sono quasi 1.500 giocatori, tutti al primo anno, ma adesso che le grandi franchigie delle Majors li hanno individuati come ‘prime scelte” nei 50 giri dei ‘draft 2004” dovranno ripagare la fiducia dei club e mostrare in diamante tutte le proprie qualità.
In poco meno di due giorni, a New York, i migliori prospetti sono stati l’oggetto del desiderio delle 30 squadre della National e della American League: i San Diego Padres hanno ingaggiato la prima scelta assoluta, l’interbase diciottenne Matthew Bush, i Detroit Tigers sono riusciti ad assicurarsi il lanciatore Justin Verlander, mentre i New York Mets hanno optato per il pitcher Philip Humber.
Tra i ‘First year player draft” ci sono però anche figli e fratelli di attuali campioni delle Majors, ma anche di grandi del passato: Neil Walker (figlio di Tom) con i Pittsburgh Pirates; Jered Weaver (fratello di Jeff) con Anaheim Angels; Stephen Drew (fratello di J.D. e Tim) con Arizona Diamondbacks; Sean Gamble (figlio di Oscar) con Philadelphia Phillies; Frank Viola (figlio di Frank) con Chicago White Sox; Walter Backman (figlio di Wally) con Texas Rangers; Kenneth Williams (figlio di Ken) con Chicago White Sox; James Russell (figlio di Jeff) con Seattle Mariners; Nick Francona (figlio di Terry) con Boston Red Sox; Erik Morris (figlio di Jack) con Philadelphia Phillies; Eli e Garth Iorg (figli di Garth) rispettivamente con Chicago Cubs e Tampa Bay Devil Rays.
A fare la parte del leone sono stati comunque i Chicago White Sox ed i Minnesota Twins che hanno effettuato il maggior numero di scelte (54) seguiti dai Kansas City Royals con 53.
Sono stati scelti complessivamente 559 lanciatori destri, 331 interni, 248 esterni, 234 pitcher mancini, e 126 ricevitori.
Dei 1.498 giocatori, 702 provengono dai college, 494 dalle high school e 294 dai junior college. Solo 8 giocatori non frequentano attualmente alcun istituto scolastico.
La California è lo stato che ha fornito il maggior numero di ‘prime scelte” (270), quindi la Florida (172), il Texas (140), la Georgia (53) e l’Arizona (50).

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.