Gli extra-inning stavolta dicono Paternò

Un super Pezzullo guida i siciliani al colpaccio in casa riminese. Troppi sprechi per la Telemarket che incassa una sconfitta molto pesante.

Una Telemarket sprecona si arrende ai Warriors Paternò che stavolta vengono premiati dagli extra-inning (3-4). Ottima la prestazione sul monte di Sandy Patrone (rl 7 bvc 3 bb 1 so 7 pgl 1), non gratificata però dal risultato, mentre per i siciliani si è distinto ancora una volta l’ottimo Pezzullo, nonostante la vittoria vada accreditata sul conto di Franklin Torres.
L’approccio dei Pirati è fin troppo morbido e Paternò parte in vantaggio ma fa quasi tutto la Telemarket che con due out spedisce a punto Bruzon, in base gratis, in seconda su rubata nonostante il pick-off di Patrone, in terza su errore di tiro di Di Pace e a casa su lancio pazzo (0-1). Alibardi invece esordisce con tre ‘kappa” consecutivi ma al 2° è costretto a subire il pareggio con la valida a destra di Gaiardo che spinge a punto Chiarini (1-1). Il giovane partente dei Warriors si disunisce e concede altre due ‘walk” riempiendo le basi prima del lancio pazzo su Osuna che porta Rimini sul 2-1. Altra segnatura dei Pirati al 3° (volata di sacrificio di Chiarini) ma è decisivo un erroraccio di Arias all’esterno sinistro su una comoda volata di Rodriguez. Il successivo doppio di Di Pace spinge il manager del Paternò a rispedire sul monte Carlos Pezzullo dopo il lungo rilievo di garauno e il mancino ricomincia collezionando strike-out e pick-off vincenti. Frenata in attacco, la Telemarket vede riavvicinarsi i siciliani al 5° (singolo vincente di Borzì e 3-2) ma la difesa non aiuta Patrone (errore da due basi di Rodriguez su rimbalzante di Arias). I Pirati soffrono le traiettorie di Pezzullo che al 6° accusa un calo ma si salva a basi piene e Paternò pareggia al 7° con Casimiro che azzecca il suo quinto homer stagionale (3-3). La Telemarket prova a rimettere le cose a posto al cambio di campo ma con Osuna in seconda Di Pace resta al piatto e la scena si ripete all’8° con Pezzullo che mette strike-out Crociati con Gaiardo sul cuscino di terza. Al 9° Paternò tocca subito Bartolucci (che era subentrato a Patrone a inizio 8°) con le valide di Bruzon e Agli e così tocca ancora a Cabalisti togliere le castagne dal fuoco. Il capitano lascia al piatto Casimiro e concede la base intenzionale a Arias, Rizzo fallisce lo squeeze (Bruzon out a casa base) e Gorrin alza un inoffensivo pop preda di Di Pace. Il bravissimo Pezzullo non ne ha più e al cambio di campo sale sul monte l’altro stakanovista paternese Torres ma i Pirati non riescono a chiudere il conto nonostante le valide di Rodriguez e Buccheri: extra-inning. Il Paternò riempie di nuovo le basi al 10° ma stavolta il punto arriva con la volata di sacrificio di Agli (3-4) e la Telemarket non ha più la forza per raddrizzare la baracca, anche se sul risultato pesa come un macigno un’inesistente out chiamato in seconda a Manzotti su velenosa di Pari. Uno stop davvero pesante per la rincorsa riminese.

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.