Gli Yankees sorpassano i Red Sox

Mentre Boston perde 5-4 al Fenway contro i Mariners, New York si impone “on the road” 5-3 contro Tampa Bay nel match che ha messo di fronte Joe Torre e Lou Piniella

Il folto popolo dei tifosi newyorchesi, lato Yankees, ha intonato un coro unanime di ringraziamenti per i Seattle Mariners che, espugnando il Fenway Park (5- 4 sui Boston Red Sox), lancia prepotentemente al primo posto della AMERICAN LEAGUE East Division la squadra di Joe Torre.
‘Provate a prenderci”, sembravano dire i Red Sox di Terry Francona, ma sabato notte la lunga corsa si è interrotta proprio al capolinea di Yawkey Road, davanti all’ingresso dello storico stadio di Boston. Con 5 punti tra la seconda e la terza ripresa, Seattle ha ipotecato il match nonostante il fuoricampo numero 14 di Manny Ramirez.
E chi ne ha approfittato sono stati proprio i New York Yankees, che hanno celebrato il sorpasso con un 5-3 in trasferta (sesta successo di fila) ai danni dei Tampa Bay Devil Rays. Kevin Brown ha ottenuto la sesta vittoria sul mound con 3 hits in 7.2 innings, mentre Bernie Williams, Ruben Sierra e Enrique Wilson tuonavano nel box a suon di homerun.
Anche i Toronto Blue Jays sembrano aver trovato la via giusta per la vittoria (quinta consecutiva) ottenendo un limpido 6-2 sui Texas Rangers (12 valide contro 6).
Grazie ad una prova magistrale di Aaron Sele (4-0), che concede solo 4 valide in 6.1 riprese, gli Anaheim Angels (sempre al comando della AL West) vincono 5-1 fuori casa contro i Chicago White Sox, segnando tutti i punti al quarto inning.
Vogliono volare come gli Angeli anche i Baltimore Orioles: ‘on the road” si impongono 8-4 sui Detroit Tigers. Miguel Tejada batte duro, terzo fuoricampo in altrettante gare disputate, mentre Larry Bigbie spinge 3 punti a casa.
Infine, sempre nella AL, due successi interni: i Cleveland Indians sono costretti a recuperare dal 6-2, ma Jody Gerut all’ottavo inning da fuoco alle polveri con un singolo e con 3 punti gli Indians battono 8-6 gli Oakland Athletics.
5-2 per i Kansas City Royals sui Minnesota Twins: Dennys Reyes ottiene la sua prima vittoria in 27 apparizioni, in evidenza anche Carlos Beltran che batte al 7° un doppio a basi cariche che frutta 3 punti pesantissimi.

Se nella AL il line-up di Joe Torre non conosce ostacoli, macinano vittorie nella NATIONAL LEAGUE anche i San Francisco Giants. Con il 5-3 sui Colorado Rockies, i californiani allungano la serie vincente alla settima affermazione. Al sesto, Barry Bonds batte un doppio che regala il pareggio ai suoi Giants. Dopo più di un mese torna vincente sul monte di lancio Jerome Williams (4-3).
I tifosi dei Phillies non l’hanno mai perdonato, ma J.D. Drew a Philadelphia non risparmia certo le sue cartucce. Drew batte un homerun e porta 3 punti a casa consentendo agli Atlanta Braves di superare fuori casa 9-3 i Philadelphia Phillies (questi ultimi nel 1997 lo indicarono come seconda scelta assoluta ma Drew rifiutò l’offerta economica e firmò con i Cardinals).
Anche i Cincinnati Reds fanno bottino pieno contro i Montreal Expos (4-1) con Adam Dunn esplosivo nel box (dodicesimo fuoricampo) e Jose Acevedo che dopo un mese circa torna a gustare il sapore della vittoria. I Cincinnati Reds, sempre primi nella NL Central, hanno vinto 9 degli ultimi 11 incontri.
Di misura, ma esultano i Milwaukee Brewers (4-3) sui San Diego Padres con Wes Obermueller vincente sul monte di lancio ma anche in battuta con un doppio che porta a casa ben 3 punti, quelli determinanti.
Al primo extrainning vincono anche i campioni in carica dei Florida Marlins, 3-2 sui New York Mets. La squadra di Miami, leader della NL East, vince con Wayne in pedana e Mike Lowell che legna il quattordicesimo fuoricampo stagionale.
Sempre in casa, successi anche dei Los Angeles Dodgers (un sonoro 10-0 su Arizona Diamondbacks, homerun di Beltre e Incarnacion) e dei Pittsburgh Pirates (10-7 sui Chicago Cubs, Mackowiak undicesimo fuoricampo).
Infine, i St. Louis Cardinals vanno a vincere 10-3 sul diamante degli Houston Astros: costretti sempre ad inseguire, mettono la parola fine sul match all’8° quando segnano 5 punti. Albert Pujols regala il bis con il fuoricampo numero 13 e 14, seguito anche da Cedeno (primo homerun).

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.