Pena, 6 l'uomo del giorno

Il prima base di Detroit batte 6/6 con due fuoricampo a Kansas City, vittorie larghissime per Yankees e Athletics

Fuochi d’artificio. E’ stato un giovedì caldissimo per le Major League, che hanno vissuto diverse performance notevoli nel box di battuta. E’ il caso dell’American, dove è stata una giornata da dimenticare per i lanciatori. Partendo dagli Yankees, rotondissima vittoria a Baltimora, sommersa da un eloquente 18-5: sono addirittura 21 le valide di NewYork, con un bel tris per Matsui (3/3), Jeter (3/4), Clark (3/5) e Sheffield (3/6). Vincente Contreras, al primo successo dopo la parentesi in Triplo A. Vendemmiata esterna anche per Oakland, che asfalta Boston per 15-2. Un efficace Mulder e un line-up da 17 valide (homer di Chavez e Hatteberg) fanno la differenza. A completare il tris di successi rotondissimi sono i Detroit Tigers, che a Kansas City passano per 17-7: il grande protagonista è Carlos Pena, che dopo uno slump da .071 nell’ultima settimana, piazza un 6/6 con due fuoricampo, 4 punti segnati e 5 pbc. Larga vittoria anche per i White Sox, che battono 9-0 Texas e si portano al comando della Central Division. Sono il pitcher Buehrle (43-2 il bilancio punti di Chicago nelle ultime quattro partite da lui lanciate) e il seconda base Uribe (due homer) i match-winner. Vengono dunque superati i Twins, che perdono 5-4 a Tampa Bay: decide la sfida il fuoricampo da tre punti di Rocco Baldelli. Terza sconfitta consecutiva per Anaheim, che subisce la sweep dai Toronto Blue Jays (3-2). La firma la mette un solidissimo Halladay, che va a un out dal complete-game, ma può beneficiare della salvezza di Frasor. Torna infine alla vittoria Cleveland, che rompe la serie negativa con una convincente vittoria su Seattle (9-5). Quarta vittoria stagionale per Westbrook, tre valide per Gerut e Belliard.
Più thrilling la serata della National League. Grosse emozioni a San Francisco, dove i Giants conducono 4-3 con due out e due strike al 9° su Arizona, ma arriva il fuoricampo di Bautista al closer Herges. E’ la valida di Minor al 10° a rimettere le cose a posto per la squadra di Alou. A Denver, invece, Colorado avanti 3-1 su San Diego al 9° con un out, ed ecco l’homer da due punti del giovane interbase Greene al closer Chacon. Al 10° però vincono proprio i Padres, con la volata di sacrificio di Nevin e una splendida giocata difensiva dello stesso Greene, che regala ai compagni vittoria e primato nella West Division. Perdono infatti i Dodgers (2-8 nelle ultime dieci partite), che a Milwaukee si arrendono all’ottimo Sheets sul monte e al fuoricampo di Podsednik (3-1). Torna in testa alla East anche Florida, che batte 5-2 Cincinnati con la perfetta staffetta Penny (sesta vittoria)-Benitez (diciottesima salvezza). Non tiene il passo, infatti, Philadelphia, sconfitta 6-1 da Atlanta. Per Millwood è la quarta (pesante) sconfitta in quattro partite contro la sua ex squadra, stavolta firmata dal grande slam di Andruw Jones. Chiude la vittoria di St.Louis, che batte 6-3 i Pirates con l’homer e i 4 pbc di Rolen, e la buona prova sul monte di Suppan.

Informazioni su Andrea Perari 158 Articoli
Andrea Perari, 55 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come vice-capo servizio della redazione sportiva del "Corriere Romagna". Ha collaborato anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste. La sua carriera nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini. Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne. Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992. Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi. Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato. Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una ventina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Miami, Tampa Bay, Chicago, Los Angeles, San Diego, San Francisco e Oakland. Ha partecipato per anni al Fantasy Baseball della Cdm con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e tra i sogni nel cassetto c'è quello di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.