Italeri da dominatrice: 10 a 1

Solano, Liverziani e Sheldon affossano i lanciatori della Ceci&Negri

L’Italeri spigola punti in coppia qua e là per i primi sei inning, e ancor prima di piazzare il colpo del ko all’8° poteva dire di aver chiuso il trittico con la Ceci&Negri da dominatrice, replicando nella gara di chiusura il 10 a 1 con cui si era imposta nel pomeriggio.
Ancora una volta il Parma si è vista battuta in tutti i settori, anche se in definitiva quando alla fine del 7° inning la successione segnava già 6 a 1 per la squadra di casa il conto delle valide era solo di 7 contro 6 per Bologna.
La differenza fino a quel punto, in buona parte, l’avevano fatta gli uomini messi in base dai lanciatori più che le valide da sole. Così infatti l’Italeri era potuta passare subito sul 2 a 0 col suo turno iniziale con solo un singolo di Solano e una volata di sacrificio di Danielele Frignani, perchè Dallospedale e Liverziani erano stati messi in prima dai ball di Newman.
Solo al 4° le mazze hanno fatto tutto di potenza, con due doppi di Lele Frignani e Pantaleoni, il secondo portato a punto da una volata di Sheldon, dopo un errore (qualsiasi cosa dica il classificatore ufficiale) su Urueta fra assistenza del terzabase Brambilla e presa del primabase Schianchi. Anche i punti del 6 a 0, due riprese dopo, sono stati segnati su valide di Rigoli e Dallospedale da Pantaleoni e Urueta, il rpimo in base per ball ed il secondo perchè colpito. Tutto questo mentre Cretis nei primi cinque inning ha concesso un solo arrivo in prima, su singolo a Chapelli, che al secondo tentativo è riuscito a farsi pescare fuori dalla prima su presa al volo.
Al 7° il punto della bandiera della Ceci&Negri, dopo che nella ripresa immediatamente precedente era rimasti senza frutto una situazioni di corridori in prima e seconda (singolo Schianchi, bunt valido di Parisi) con nessuno fuori. Ma appunto 6 a 1, con tre valide (Balgera, Squarcia, Vasini), perchè il lanciatore dell’Italeri non ha concesso percorsi alternativi per chi voleva provare a correre.
Poi appunto il colpo risolutivo dei bolognesi, all’8°. Su Salsi, secondo rilievo dopo Bova, tocca Pantaleoni (2 su 3), base Urueta, volata di sacrificio di Sheldon (la terza), singolo Rigoli, triplo Dallospedale (2 su 4 con 3 pbc). 9 a 1 e cambio di Salsi con Massimino. Singolo Liverziani, singolo Solano (4 su 5, 10 su 15 nel week end) e 10 a 1, con Milano a difendere senza problemi l’ampio vantaggio dal monte nelle ultime due frazioni.

Informazioni su Mino Prati 844 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.