Toriaco e Munoz trascinano Modena

Il Fiume si impone sulla Telemarket anche in garadue (3-9). Quindici valide per i gialloblu e per i Pirati è l'ottavo ko di fila.

Il Fiume Modena passa in scioltezza allo Stadio dei Pirati anche in gara-due e allunga ad otto la serie di sconfitte consecutive della Telemarket (3-9), evento che non si verificava in casa riminese dal campionato edizione 1996. La formazione di Paglioli, al contrario di quella neroarancione, è entrata subito in partita ed ai gialloblu è bastato spingere un tantino sull’acceleratore per avere facilmente la meglio fin dalle prime battute. Con la Telemarket mentalmente ancora negli spogliatoi, il punteggio era infatti già sul 6-1 per gli ospiti dopo sole tre riprese e la mancata reazione dei Pirati ha giustificato l’impressione generale che dopo un terzo di gara il match fosse già in archivio. Al 1° Modena sblocca il punteggio con la base a Munoz, il texas di Tamburro e la battuta in diamante di Rosado, sulla quale la difesa riminese commette il primo errore della partita (0-1). E al 2° i canarini producono lo strappo decisivo su un Patrone incappato in un’altra giornata-no e sceso dal monte dopo nemmeno 4 inning completi (al suo posto De Sanctis prima e Torri poi): dopo lo strike-out su Scavone arrivano infatti tre hit fotocopia consecutive a destra di Tinti, Malagoli e Benetti (0-2), il doppio a sinistra del solito scatenato Munoz (3/5 con 2 pbc) e la volata di Tamburro (0-5). Rimini abbozza una reazione con il doppio a destra di Di Pace e il texas di Oropeza (1-5) ma è un fuoco di paglia che Toriaco spegne in fretta. Il mancino di Paglioli non è mai andato in difficoltà contro il line-up riminese (rl 7.1 bvc 7 bb 2 so 5 pgl 3) concedendo soltanto un altro punto al 4° (solo homer di Castrì) ed il terzo della sua gara all’8°, quando ha lasciato la pedana a Orta. Nel frattempo la gara si era trascinata stancamente con il Modena in netto vantaggio grazie ad altre quattro segnature arrivate al 3° (doppio di Canate e singolo di Scavone), al 5° (singolo a basi piene di un ispirato Malagoli) e all’8° (basi a Rosado e Canate, singolo di Laffi ed errore decisivo di Osuna). Tutti bene nel line-up canarino dove il solo Rosado non ha trovato la valida, mentre in casa Telemarket ci si continua a leccare le ferite in attesa di porre fine alla serie nera.

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.