BOSTON VINCE 3-2 AL 12° SU NEW YORK

Primo fuoricampo per Alex Rodriguez allo Yankee Stadium – Il ventiduenne Chris Saenz debutta nelle Majors e vince sul monte di lancio dei Milwaukee Brewers

Se Boston – New York fosse il titolo di un film sarebbe indubbiamente ‘The never ending story”, La storia infinita. Sfida dopo sfida non finisce mai di appassionare e l’ultima battaglia ne è stata la testimonianza. I Red Sox, ora primi in classifica nella AL East, hanno ancora battuto il loro acerrimi rivali Yankees, per la quinta volta quest’anno in 6 partite disputate, al 12° inning per 3-2 e per di più sul loro campo davanti a oltre 55.000. Nonostante il fuoricampo di Alex Rodriguez, il terzo del 2004 e primo allo Yankee Stadium, l’impresa di sabato porta la firma di Ramirez autore di un tremendo line-drive al 12°, spinto poi verso casa base da un sacrificio di Mark Bellhorn. La salvezza è di Timlin, la sconfitta a carico di Quantrill.
Altra successo in trasferta e sempre al 12° per Toronto Blue Jays, 5-4 a Baltimore contro gli Orioles, con la vittoria numero 1 sul monte di Ligtenberg, i 2 homeruns di Carlos Delgado (il migliore con 4/6) e Cash, la valida vincente al terzo supplementare di Frank Catalanotto.
Strappano la vittoria fuori casa anche Anaheim e Tampa Bay. Gli Angels di Mike Scioscia, primi nella AL West, rimontano un iniziale 3-0 e vincono 6-3 ad Oakland contro gli Athletics con 13 valide, la quarta salvezza di Troy Percival (prima vittoria per Kelvim Escobar) ed il quinto fuoricampo stagionale di Valdimir Guerriero.
Perentorio 4-1 dei Devil Rays a Chicago sui White Sox, sulla cui sconfitta pesano i 2 errori difensivi ed una scarsa incisività in attacco. Si riscatta l’interbase Julio Lugo dei Tampa Bay che, dopo aver sbagliato 2 assistenze nella sconfitta di 24 ore prima, mette a segno 2 valide su 4 turni con 2 punti battuti a casa.
Nei restanti match della American League vanno registrate le affermazioni di Kansas City Royals (10-1 sui Minnesota Twins, leader della Central Division, solo 6 hits contro 15 e ben 3 errori in difesa), Texas Rangers (3-0 sui Seattle Mariners, alla quarta sconfitta di fila) e la conquista di un tiratissimo match da parte dei Detroit Tigers (5-2) sui Cleveland Indians: al Comerica Park, il line-up allenato da Alan Trammel è riuscito a segnare 3 punti al 9° con un gran fuoricampo di Rondell White su Chad Durbin.

Trionfano fuori casa ben cinque formazioni della National League.
Shut-out dei Philles che surclassano 7-0 i Montreal Expos sotto un fuoco di 17 valide ma il vero, grandissimo protagonista è stato il lanciatore di Philadelphia, Randy Wolf, che non solo ha dominato sul mound per l’intero match (solo 4 hits) ma ha anche battuto un fuoricampo ed un doppio.
A 41 anni suonati, Roger Clemens confeziona l’ennesimo capolavoro lanciando per 5.2 riprese (7 strike-outs) ed ottiene la sua vittoria numero 314 in carriera, la quarta quest’anno senza alcuna sconfitta. I suoi Astros, pur battendo meno, vincono 8-5 sui Colorado Rockies che spediscono per 3 volte la pallina oltre il muro del fuoricampo (Todd Helton, Charles Johnson e Matt Holliday, tutti su ‘the Rocket”).
I Cincinnati Reds sconfiggono per la quarta volta su 5 gare i Pittsburgh Pirates (9-7): il seconda base dei Reds, D’Angelo Jemenez, dopo un brutto ‘slump” iniziale chiude la gara con un ottimo 3 su 4 di cui un fuoricampo e 3 rbi. Nona salvezza per Danny Graves.
Sulla scia di Cincinnati, anche i San Diego Padres battono in trasferta gli Arizona Diamondbacks, pareggiando prima all’8° e poi nel nono conclusivo inning con 2 segnature pesanti (grazie al doppo di Ryan Klesko) che fissano il risultato finale sul 4-2.
Nel derby californiano SF-LA, prevale proprio San Francisco, 5-3 sui Los Angeles Dodgers che comunque mantengono il primo posto nella West Division. Il lead-off dei Giants, Ray Durham, batte un solo-homer sul primo lancio della partita di Jeff Weaver, mentre il compagno Jerome Williams tiene benissimo il mound per 8.2 riprese.
Infine, i tre successi dei Milwaukee Brewers sui St. Louis Cardinals (3-1 con il ventiduenne Chris Saenz lanciatore vincente al debutto nelle Majors, 6 innings e 7 strike-outs), dei Chicago Cubs, leader della Central Division e quinto successo consecutivo, sui New York Mets (nettissimo 3-0, grazie a Kerry Wood fantastico sul mound, terza vittoria, 7 innings, 9 strike-outs e al quinto fuoricampo stagionale di Sammy Sosa) e dei Florida Marlins, primi nella East Division, su Atlanta Braves (7-4, fuoricampo di Jeff Conine subito in avvio ed ottimo 4/5 di Luis Castillo).

Informazioni su Filippo Fantasia 674 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.