La zampata di Di Pace sul quinto successo azzurro

L'Italia batte la Nova University (3-1) con un fuoricampo da 2 punti del neo acquisto del Rimini, Difesa perfetta. Domani La fera e compagni sfidano

L'Italia non perde un colpo. Mercoledì sera gli azzurri si sono imposti 3-1 sul campo della Nova South Eastern University ai locali Knights, che disputano il campionato NCAA di Seconda Divisione.

Facendo seguito ad una presentazione e un cerimoniale degni di un torneo internazionale, gli azzurri sono passati in vantaggio in avvio. Con 2 out, Ramos ha guadagnato la prima base per ball e Di Pace ha punito il partente americano Jacobs con un impressionante fuoricampo a destra: una linea che ha coperto la distanza tra casa base e la recinzione in un attimo.
I giovani americani hanno provato a reagire contro il partente azzurro Patrone. Con un out, l'esterno centro Froloff ha battuto valido. Ha poi rubato la seconda. Patrone ha quindi passato in base il seconda base Mc Fadden e ha subito una lunga volata al centro dal prima base Harlow. Nel campo esterno però faceva buona guardia Pantaleoni che, con una brillante corsa a ritroso, ha colto la palla al volo per il secondo out.
Al cambio campo gli azzurri hanno segnato il terzo punto. Urueta ha spedito un doppio a destra, ha rubato la seconda e, dopo l'eliminazione al volo di Rovinelli, ha segnato sulla rimbalzante di Parisi.
Gli universitari di Nova hanno provato a spingere ancora sull'acceleratore. Con un out e Warren in prima, il terza base Pellerito aveva trovato il buco tra seconda e interbase. Una vera e propria magia di La Fera, capace di arrivare a raccogliere la palla oltre il cuscino e di far fuori con una assistenza in splendida coordinazione Warren in seconda, ha spento le velleità di casa.

Dal terzo in poi l'attacco azzurro non ha ottenuto praticamente nulla, subendo anche qualche strike out di troppo (alla fine saranno 8). Gli azzurri sono arrivati una volta in seconda (al quinto, doppio di Parisi) e una in terza (all'ottavo, doppio di Urueta e battuta a terra di Rovinelli) ma non hanno segnato altri punti.
Nova ha segnato al sesto con l'esterno sinistro Reynolds, approfittando di un ingresso in partita un po' contratto di Tony Billisi (fino alla scorsa stagione era uno dei Knights) e di una battuta fortunosa di Froloff, che ha sorpreso Rovinelli in prima.
Gli ultimi 2 lanciatori azzurri (Lucena e Olenberger) non hanno comunque lasciato nessuna speranza ai Knights, preservando il quinto successo in altrettante partite degli azzurri.

"Da come eravamo partiti mi aspettavo qualcosa di più" ha detto alla fine Giampiero Faraone. "Comunque domani mattina siamo già in campo. Darò un turno di riposo a qualcuno dei ragazzi che hanno giocato di più".
Gli azzurri si trasferiranno a Port St. Lucie, dove alle 13 locali (le 20 in Italia) sfideranno una selezione di Minor League dei Mets.


ITALIA 2 1 0 0 0 0 0 0 0 = 3 (bv 5, e 0)
NSU 0 0 0 0 0 1 0 0 0 = 1 (bv 6, e 0)

lanciatori Patrone rl 3, so 1, bb 1, bv 3, pg 0; Martignoni (v.) rl 2, so 2, bb 2, bv 0, pg 0; Billisi rl 1, so 0, bb 1, bv 1, pg 1; Lucena rl 2, so 3, bb 0, bv 2, pg 0; Olenberger rl 1, so 1, bb 0, bv 0, pg 0; Jacobs (p.) rl 2, so 1, bb 1, bv 2, pg 3; Norrito rl 1, so 0, bb 0, bv 1, pg 0; Gianquitti rl 2, so 3, bb 2, bv 1, pg 0; Cummings rl 1, so 0, bb 1, bv 1, pg 0; Leo rl 1, so 0, bb 0, bv 0, pg 0; Malamud rl 1, so 1, bb 1, bv 1, pg 0; Ruwe rl 1, so 2, bb 0, bv 1, pg 0

note: Fuoricampo di Di Pace (2°, 2p.)

ITALIA: EC Pantaleoni (0 su 4), 2b Dallospedale (0 su 4), DH Ramos (1 su 2), DH Di Pace (1 su 4), ED Chiarini (0 su 3), ES Urueta (2 su 2), 1B Rovinelli (0 su 3), RIC Parisi (1 su 2), INT La Fera (0 su 3), 3B Schiavetti (1 su 3); LAN Patrone (Martignoni, Billisi, Lucena, Olenberger)
NSU KNIGHTS: ES Reynolds (Montalvo), EC Froloff, 2b Mc Fadden, 1b Harlow (Rodriguez), RIC Smith, DH Bone (Williams), DH Warren, 3b Pellerito, ED Lopez (Weston), INT Sands; LAN Jacobs (Norrito, Gianquitti, Cummings, Leo, Malamud, Ruwe

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.