Toronto vuole competere

Prime mosse di mercato per i Blue Jays

Un cavallo di ritorno ed un buon terzo partente, il tutto a prezzi abbastanza modici: queste le prime mosse di mercato da parte dei Toronto Blue Jays, le prime significative nella intera American League.
Il cavallo di ritorno è Pat Hentgen lasciato libero alla fine della stagione dai Baltimore Orioles con cui ha giocato gli ultimi 3 anni. Si tratta di un giocatore che è stato capace di vincere un Cy Young Award nel 1996 ma ormai sulla via del tramonto. Nonostante questo nella seconda parte dell'anno del 2003 con una squadra mediocre come Baltimore è stato capace di compilare un record di 6 vinte 3 perse con 3.10 di media punti guadagnati su di lui. Complessivamente ha chiuso il 2003 con 7 vinte 8 perse , 4.09 punti guadagnati, 160 riprese lanciate e 100 strike out e 53 basi ball. Segno di un giocatore integro sebbene abbia compiuto i 35 anni. Altro rinforzo per il monte è Ted Lilly, 27 anni l'anno scorso agli Oakland A's con un rendimento di 12 vinte, 10 perse, 178 inning, 58 basi ball, 147 strike out e 4.34 punti guadaganti di media.
I due nuovi arrivi andranno a comporre una buona rotazione con il Cy Young di quest'anno Roy Halladay e probabilmente Kelvim Escobar cui i Jays hanno fatto una buona offerta. Il quinto partente sarà probabilmente Josh Towers.
In cambio di Lilly gli Oakland A's hanno ricevuto soldi e sorattutto Bob Kielty esterno di 27 anni che ha chiuso l'anno scorso con un modesto 244 di media battuta ma una ottima media arrivo in base di 358, grazie alle 71 basi ball guadagnate. Statistica a cui il GM di Oakland, Billy Beane è particolarmente sensibile. Kielty ha avuto anche 26 doppi e 13 fuoricampo in 137 partite. L'esplosione del giovane Rick Harden l'anno scorso ha garantito un rimpiazzo per Lilly in una rotazione già ottima.

Informazioni su Ivano Luberti 324 Articoli
Ivano è cresciuto in Maremma dall'eta' di 6 anni e ha visto la sua prima partita di baseball a 9 anni. Ha abbandonato la sua passione per il batti e corri a 19 anni quando si è trasferito a Pisa per l'Universita' e lo ha riscoperto dieci anni dopo quando ha cominciato ad utilizzare Internet per lavoro. Si definisce uno spettatore informato con una logorrea innata che ha deciso di sfogare scrivendo qualche articolo, dopo che il forum di Baseball.it non gli bastava piu'. Laureato in Scienze dell'Informazione e informatico di professione crede nella cooperazione al punto di aver fondato una cooperativa a Pisa, città dove risiede e che purtroppo è un deserto per lo sport che ama.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.