Manny Ramirez sul mercato

I Red Sox decidono di disfarsi del potente slugger dominicano

La notizia del giorno è che i Red Sox hanno messo Manny Ramirez sulla lista degli “irrvocable waivers“: questo significa che se un'altra squadra vuole rilevare il suo contratto i Red Sox non hanno nessun diritto di trattenere il giocatore e non hanno nessun diritto di prelazione. Ramirez ha battuto con una media di .325 quest'anno , appena sotto il compagno di squadra Bill Mueller che ha vinto il titolo di miglior battitore della American League, in più ha battuto 37 fuoricampo ed ha battuto 104 punti a casa. I Red Sox sono diventati pazzi ? Forse.
Bisogna notare però che Ramirez ha 30 anni e gli mancano 5 anni alla scadenza del contratto per un totale di 104 milioni di dollari di cui 20 i Red Sox dovranno pagarli l'anno prossimo. Questo contratto fa parte di una serie di pazzie che le squadre di Major League commisero negli anni scorsi firmando contratti esosi e per periodi di tempo lunghissimi: altri nomi di atleti fortunati perché diventati liberi da precedenti contratti prima del 2001, sono Bernie Williams, Trevor Hoffman, Kevin Brown Alex Rodriguez, Derek Jeter. Ramirez Rimane quindi un giocatore difficile da vendere in cambio di qualcosa e i Red Sox hanno deciso che potrebbe essere sufficiente per loro disfarsi dell'onere di pagare il suo lauto stipendio. Se nessuno reclamerà Ramirez i Red Sox se lo dovranno tenere e probabilmente lo offriranno sul mercato, offrendosi di pagare un pezzo dello stipendio. Evidentemente è tempo di crisi anche per le squadre di Majors, ma c'è anche da dire che Theo Epstein il general manager dei Red Sox ha idee precise su come si costruiscono le squadre: il suo modello sono gli A's di Billy Beane, tanto per capirsi.

Sono così passate in secondo piano le assegnazioni dei Silver Slugger Award: i premi assegnati ruolo per ruolo ai migliori battitori sulla base dei voti degli allenatori di vario grado delle squadre di Major League. Nella National League i vincitori sono l'esterno Barry Bonds (che ha stabilito un record con il suo undicesimo trofeo), l'esterno Albert Pujols , l'esterno Gary Sheffield, il prima base Todd Helton, il seconda base Jose Vidro, l'interbase Edgar Renteria, il terza base Mike Lowell, il ricevitore Javy Lopez e il lanciatore Mike Hampton.

Nella American League: l'esterno Manny Ramirez (sesta volta), l'esterno Garret Anderson, l'esterno Vernon Wells, il prima base Carlos Delgado, il seconda base Bret Boone, l'interbase Alex Rodriguez (settima volta) , il ricevitore Jorge Posada e il battitore designato Edgar Martinez.

Informazioni su Ivano Luberti 324 Articoli
Ivano è cresciuto in Maremma dall'eta' di 6 anni e ha visto la sua prima partita di baseball a 9 anni. Ha abbandonato la sua passione per il batti e corri a 19 anni quando si è trasferito a Pisa per l'Universita' e lo ha riscoperto dieci anni dopo quando ha cominciato ad utilizzare Internet per lavoro. Si definisce uno spettatore informato con una logorrea innata che ha deciso di sfogare scrivendo qualche articolo, dopo che il forum di Baseball.it non gli bastava piu'. Laureato in Scienze dell'Informazione e informatico di professione crede nella cooperazione al punto di aver fondato una cooperativa a Pisa, città dove risiede e che purtroppo è un deserto per lo sport che ama.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.