Oakland vince con un bunt al dodicesimo

Emozioni nei play off, le favorite soffrono

Chi vuole il dramma dalla 'post season' doveva essere ad Oakland mercoledì notte. Un bunt di Ramon Hernandez (eseguito alla 12esima ripresa, con le basi piene e 2 out) ha dato la vittoria per 5-4 agli A'S sui Red Sox. Quel che è più grave per Boston è che il quarto pitcher schierato è stato Derek Lowe, che doveva essere il partente di gara 3, in programma a Boston sabato.
Boston è rimasta in testa, grazie a 2 fuoricampo di Walker, fino a che Pedro Martinez non ha lasciato il monte dopo 7 riprese (e 130 lanci).
Oakland ha pareggiato grazie ad un singolo di Durazo e ha vinto con il 'rookie' Harden (e la sua dritta da 98 miglia all'ora) in pedana al posto di Hudson.
Oakland conduce la serie 1-0 e oggi alle 22 (ora italiana) si gioca la carta Barry Zito contro Tim Wakefield.
L'altra sfida di AMERICAN LEAGUE vede in campo per gara 2 questa notte gli Yankees e i Twins, con Minnesota in vantaggio 1-0.

In NATIONAL LEAGUE i Braves devono ringraziare il giovane De Rosa per la vittoria (5-3) ottenuta sul filo di lana contro i Cubs. Il seconda base, che rimpiazzava Marcus Giles, ha ottenuto un doppio che ha spinto a casa i punti rivelatisi decisivi. A fine gara i giornalisti si sono stupiti per la gioia irrefrenabile dell'italo americano: “Mah, sarà perchè vengo dal Football” ha detto De Rosa, che ha giocato quarterback all'Università “Forse ho esagerato, ma era pur sempre il più bel momento della mia vita”.
Chicago, che a parte il primo inning ha molto sofferto contro Hampton, aveva pareggiato la gara contro il 'closer' John Smoltz.
La serie è ora in parità (1-1) e prosegue venerdì a Chicago.
A San Francisco i Marlins hanno pareggiato (1-1) la serie contro i Giants vincendo gara 2 con un netto 9-5. Encarnacion ha ottenuto un importantissimo fuoricampo.
Per i Giants è stata una serataccia. I loro 'guanti d'oro' (J.T. Snow e Jose Cruz) hanno commesso errori e il bull pen è stato addirittura catastrofico dietro al partente Sidney Ponson. I Marlins hanno avuto bisogno di ben 6 rilievi dopo il partente Penny.
“Forse noi che abbiamo lottato per la wild card fino alla fine siamo più concentrati” ha dettoil catcher dei Marlins 'Pudge' Rodriguez. Fatto sta che ora la serie si trasferisce a Miami da venerdì.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.