Nel segno di Barry

Ancora un fuoricampo decisivo per l'asso dei Giants. Brutto rilievo per Simontacchi. Boston vince senza Pedro

Si è chiusa nel segno di Barry Bonds la serie tra i Giants e i Braves, squadre regine della NATIONAL LEAGUE 'ovest' ed 'est' rispettivamente. Il fenomeno della Baia ha vinto la partita con un fuoricampo decisivo (contro il rilievo Hodges) alla decima ripresa, che per la cronaca è il suo 39esimo successo personale della stagione e il numero 652 di una carriera luminosa e che, nelle ultime 3 stagioni, è diventata addirittura sfavillante.
“Non so cosa sia successo a quel lancio” ha detto il manager dei Braves Cox “Ma doveva essere ovunque, tranne che vicino al piatto”.

La divisione più interessante della National League resta comunque la 'centro'.
Gli Astros hanno fatto durare la prova di Kerry Wood appena 4 riprese, mettendo a segno in totale 16 valide e battendo i Cubs con un netto 9-3. Protagonista assoluto è stato Craig Biggio (2 su 5 con un fuoricampo).
Ora i Cubs sono a 1.5 gare dagli Astros e a 1 dai Cardinals, che hanno battuto 6-3 i Pirates. La gara è stata chiusa da un homer da 3 di Jim Edmonds, il secondo della sua serata. Trai 4 lanciatori di St. Louis è apparso anche Jason Simontacchi, che però non ha brillato: in 0.2 riprese lanciate ha subito infatti 2 punti guadagnati.
Visto il netto vantaggio dei Phillies, secondi a 'est', nella corsa alla 'wild card' della National League, la lotta per il primo posto in questa divisione è ancora più intrigante. I Cardinals comunque ospitano proprio Philadelphia a partire da questa notte.

Un'altra gara di cui vogliamo occuparci è quella di Boston, nella quale i Red Sox si sono imposti agli A'S con un largo 14-5. Privi di Pedro Martinez, i Red Sox si sono affidati a Fossum, che ha avuto nel suo attacco (12 valide) e nei lanciatori di Oakland (10 basi) i principali alleati. La cosa più curiosa è che l'ufficio stampa dei Red Sox ha dovuto specificare ai tifosi allarmati che la 'faringite' che a costretto Pedro a dare forfait non è una malattia esotica, bensì una semplice infiammazione della gola.
Oakland mantiene su Boston un leggero vantaggio per la corsa alla 'wild card' dell'AMERICAN LEAGUE.

Infine, nella vittoria per 2-1 dei Dodgers nei confronti degli Expos, Vladimir Guerrero ha battuto il fuoricampo 226 della sua carriera, superando Andre Dawson come magior fuoricampista di sempre di Montreal.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.