Girone A: I Redskins allungano sul Sala Baganza

Sempre più accesa la lotta per il secondo posto: l'Imola fa 2-0 sul Viterbo, mentre i salesi pareggiano con lo Junior. Sandro Bassi (Montegranaro) resta sul monte per ben 12 riprese

Prosegue la corsa in testa alla classifica dell'Acegas Trieste, che nel weekend ha avuto la meglio in entrambe le gare sulla De Angelis Godo la quale, soprattutto per quanto riguarda la prima partita, ha non pochi rimpianti. I godesi, con un Cristian Mura in condizioni non perfette e senza Maurizio Zoli, sono andati vicini alla sorpresa: all'ultimo attacco i rossoblù, grazie ad un fuoricampo di Rubboli da due punti, si portavano infatti sul 3-4 con un uomo in base e zero out, ma un doppio gioco difensivo degli ospiti spegneva le speranze, nonostante la buona prestazione del lanciatore Galeotti. Da segnalare per l'Alpina l'ottima prova di Christian Girotto, autore di tre valide tra cui un doppio, e quella sul monte di Fabio Vergine, che in sette riprese ha concesso solo un punto.
Poca storia in gara due: ai quattro punti dell'Acegas nelle prime riprese, il Godo ha risposto con tre nel secondo inning, ma con otto segnature negli inning centrali i giuliani hanno chiuso il match. Ben 17 le valide dell'Alpina, tre a testa per Marussich, Cechet e Tropeano, mentre la De Angelis ha commesso ben cinque errori difensivi.
Non perde il passo la Oce Imola, che rimane in scia dell'Alpina e guadagna una gara sul Sala Baganza. Dopo tre pareggi consecutivi i Redskins tornano al successo, contro il temibile Omav Viterbo. In gara uno grande prestazione sul monte di lancio di Davide Maccaferri, che ha ottenuto la sua ottava vittoria personale lanciando 8 inning e concedendo solo 8 valide, prendendosi anche la rivincita sul laziale Gianni Ricci, che l'aveva sconfitto all'andata. Il risultato si sblocca a favore degli imolesi nella terza, con un big-inning che consente ai padroni di casa di segnare 5 punti grazie alle valide di Castro, De Marco, Natilli, Morselli, Bonci e il bunt di sacrificio di Paolo Pirone. Al sesto si passa sul 6-1 con le valide di Diolaiti, Castro e De Marco, poi alla ripresa successiva arriva il fuoricampo da un punto di Bonci. Al nono inning sale sul monte Piero Malaguti, a sostituire Davide Maccaferri, e il risultato finale si fissa sul 7-2. Nella seconda partita, in pedana per gli imolesi non va Cristian Torri, ma Claudio Bassi, che per nulla emozionato sforna una magnifica prestazione, giocando tutta la partita senza concedere punti e lasciando alle mazze viterbesi solamente 4 valide. Dopo tre riprese senza punti al quarto inning l'Oce segna ben 7 punti con le valide di Gamberini, Paolo Pirone e Bonci più i doppi di Diolaiti e De Marco. Nella quinta ripresa entrano altri 3 punti per i Redskins, con le valide di Castro, Stefanini e Natilli, più il doppio di Gamberini, e si va verso la conclusione per manifesta inferiorità. Da segnalare in battuta l'ottimo 5 su 7 di Bonci e il 4 su 7 di Natilli.
Passo falso per il Pellaccini Sala Baganza, che ha perso una lunghezza nei confronti dei Redskins, pareggiando in casa contro il Park Service Junior Parma, un risultato importante per i parmigiani in chiave salvezza. Nella prima partita buona prova di Leoni sul monte del Sala, con Negrini, Ferrari, Zileri (3 su 3 in battuta) e Ghirardi (cinque punti battuti a casa) che hanno segnato i punti per il Pellaccini. Nella gara del pomeriggio, poca storia, con risultato piuttosto netto a favore degli ospiti, guidati da un ottimo Bassi in pedana: lo Junior si è portato avanti alla terza ripresa con Fontanesi e Canali, e solo al sesto, con i punti realizzati dai fratelli Federico e Filippo Comelli, il Sala ha raggiunto il pareggio. Lo Junior ha però allungato all'ottavo, prima di chiudere con altri 5 punti al nono; inutili i due punti del Sala all'ultima ripresa.
Due successi che sanno di riscatto per il Piccionetti Rosemar. La squadra grossetana ha avuto la meglio due volte sul fanalino di coda della classifica, la Soncini Poviglio. Nettissima la vittoria nella prima partita, arrivata per manifesta inferiorità, più combattuta la seconda gara.
La Finproject Montegranaro ha ottenuto due importanti successi in trasferta a Riccione. In gara uno, Giuliano Torresi ha lanciato la partita completa per l'Unione Picena, che è passata in vantaggio con tre punti nella prima ripresa, poi ha messo al sicuro il risultato con un punto al quarto e uno all'ottavo. In attacco da segnalare le tre valide di Francesco Balzani, che ha anche portato a casa due punti, mentre sfortunata la prova di Daniele Del Bianco, che ha lanciato la gara completa ma ha incassato la sconfitta, per il Riccione. Nella seconda partita, straordinaria la prova di Sandro Bassi, che ha tenuto il monte per ben 12 riprese, mettendo a segno 9 k e incassando la vittoria, arrivata per l'Unione Picena sul punto battuto a casa da Paolo Pantaleoni, con una volata di sacrificio; 11.1 le riprese lanciate dall'altra parte da Andrea Palumbo, che ha subito un punto alla seconda ripresa, prima del pareggio riccionese al terzo, per gli unici due punti della partita prima degli extra-inning.
Infine, due partite molto combattute tra Lanfranchi Collecchio e Girardi Verona. Nella prima gara, è stato Baratta il lanciatore vincente, con il punto decisivo battuto a casa da Biasetti nel decimo inning; migliore in battuta per il Collecchio Fanfoni, che ha messo a segno tre valide. Nella seconda partita, la Lanfranchi ha molto da recrmininare: quando il Verona, sul 4-1, ha cambiato il lanciatore, il Collecchio si è trovato a basi piene e zero out, e ha segnato due volte, una con Dorante su due lanci pazzi consecutivi, e l'altro con Fanfoni su una battuta in diamante di Puglia. La bella battuta di Facchini, che ha segnato direttamente il punto grazie ad un errore difensivo, ha portato il punteggio sul 4-4 al settimo. Al decimo, poi, il Collecchio ha perso la gara a causa di una disattenzione difensiva: con Bottaro in seconda e Heredia in prima, una battuta rimbalzante di Sartori da doppio gioco si è trasformata nella battuta vincente per il Verona, quando l'assistenza di Fanfoni in prima è finita vicino alla tribuna.

I risultati:

Pellaccini Sala Baganza-Park Service Junior Parma 13-4 4-9
De Angelis Godo-Acegas Trieste 3-4 3-13 (8°)
Riccione-Finproject Montegranaro 3-5 1-2 (12°)
Soncini Poviglio-Piccionetti Rosemar 2-17 (7°) 5-8
Oce Imola-Omav Viterbo 7-2 10-0 (7°)
Lanfranchi Collecchio-Girardi Verona 3-2 (10°) 4-5 (10°)

La classifica:

Trieste .794 (27-7), Imola .765 (26-8), Sala Baganza .676 (23-11), Viterbo .529 (18-16), Rosemar .471 (16-18), Junior Parma .471 (16-18), Montegranaro .471 (16-18), Riccione .441 (15-19), Godo .441 (15-19), Collecchio .382 (13-21), Verona .294 (10-24), Poviglio .265 (9-25).

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.