La Telemarket in rimonta conserva il terzo posto (5-4).

I Pirati evitano in extremis il cappotto contro la T&A. Vincente Bartolucci, decisivo il 7° inning d'attacco dei tricolori.

Quasi sul filo di lana la Telemarket si sveglia dal torpore e strappa alla T&A la vittoria che mantiene i Pirati al terzo posto in classifica alla pari con la Gardenia Grosseto (5-4). Garatre sembrava la fotocopia delle precedenti due partite vinte dalla T&A, con il line-up dei titani pronto a toccare i lanci di Patrone e i neroarancioni in palese difficoltà contro Horn. Ma sul punteggio di 4-1 per la T&A dopo la prima parte del 7° inning, finalmente la Telemarket ha spezzato l’incantesimo segnando 4 punti ed aggiudicandosi in rimonta una vittoria molto pesante. Risultato di garatre a paarte, i Pirati hanno sicuramente gettato al vento una buona occasione per mettere un po’ più al sicuro la partecipazione ai play-off, che invece resta del tutto aperta, giocando in modo veramente determinato solo nell’inning della rimonta.
Dopo due inning perfetti, Patrone viene toccato dalla parte bassa del line-up della T&A (singoli di Astolfi e Bissa) prima che il doppio a sinistra di Minami spinga a casa il punto del vantaggio (0-1). E ci vuole una gran presa di Balgera sulla successiva legnata di Parisi per evitare guai maggiori alla Telemarket. I Pirati nel frattempo non creano grossi grattacapi a Horn che nei primi 4 inning concede solo tre sporadiche valide, sempre con due out e le basi vuote, a Balgera (interrotto lo slump), Taddonio e Illuminati. La T&A invece va vicina a segnare ancora al 4° con la base a Colicchio e le valide di Costantino e Astolfi ma con le basi cariche Patrone mette strike-out Bissa. Il raddoppio è nell’aria e arriva puntuale al 5° quando con 2 out Colicchio trova la valida al momento giusto per battere a casa Minami (singolo e rubata). Finisce qui la partita di Patrone (rl 4.2 bvc 7 bb 2 so 7 pgl 2) rilevato da Bazzarini che mette strike-out Costantino e chiude l’inning. La serata no riminese continua al cambio di campo quando Gambuti, in base su ball, arriva in terza sul doppio di Evangelisti ma corre inspiegabilmente a casa e viene inesorabilmente eliminato. Chi sbaglia paga e il 3-0 San Marino è cosa fatta al 6°. Bazzarini concede la base ad Astolfi e Bissa, Lonfernini batte valido con Astolfi out a casa base su assistenza Balgera-Gambuti ma la successiva hit del solito Minami (3/5) batte a punto Bissa e finisce anche la partita di Bazzarini, rilevato da Bartolucci. Sul cambio di campo la Telemarket ha un’improvvisa fiammata grazie al lunghissimo homer a sinistra di Pantaleoni (1-3) ma nulla più, anche perché la Bindi-band ristabilisce subito le distanze segnando il quarto punto con la valida dello scatenato Astolfi (3/3). I Pirati riescono finalmente a toccare l’ormai stanco Horn al 7° ma sprecano ancora (out a casa base Ceccaroli sulla valida di Gambuti) prima che Evangelisti e Taddonio confezionino il secondo punto (2-4). Bindi manda sul monte Tittone De Sanctis ma l’ex riminese non riesce a fare in tempo il terzo out: valida di Pantaleoni (3-4), valida di Balgera ed è sorpasso (5-4). E così Bartolucci, chiudendo in modo perfetto gli ultimi due attacchi sanmarinesi, porta a casa la prima vittoria stagionale e salva il week-end dei Pirati.

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.