Prima tripletta per la Telemarket (14-0)

Stavolta però i Pirati non soffrono e chiudono il match con la Faliero Firenze al 7° per manifesta inferiorità. Prima vittoria per Moceri, Pantaleoni e Baldacci sugli scudi.

La Telemarket può finalmente festeggiare la prima tripletta stagionale superando Firenze in gara-tre senza soffrire come nelle precedente due partite (14-0 al 7°). Ancora una buona prova di un line-up riminese (14 valide stasera, 46 complessivamente nel trittico) in decisa crescita, con Evangelisti (3/3), il solito Pantaleoni (3/5), Baldacci (3/4) e Gambuti (2/4) in particolare evidenza. Sul monte prova convincente di Moceri, che trova la sua prima vittoria stagionale, pur dimostrando di avere ancora buoni margini di miglioramento. Niente da fare invece per la Faliero Sarti Firenze, alle prese con un line-up poco pungente, un monte corto e qualche acciacco di troppo.
Stavolta i Pirati partono forte e mettono subito pressione al partente Parri: tre valide consecutive di Taddonio, Pantaleoni e Balgera valgono il primo punto della partita, mentre il raddoppio arriva su doppia rubata confezionata da Taddonio e Pantaleoni che segna il 2-0. Stesso copione al 2°: singoli di Gambuti, Evangelisti e Pantaleoni (3-0) ed altra doppia rubata della solita coppia Pantaleoni-Taddonio. Parri riesce a tenere a zero l’attacco riminese solo al terzo inning, ma al 4° arrivano altri due punti con quattro valide consecutive: singolo di Baldacci, gran triplo di Evangelisti (5-0), doppio di Taddonio (6-0) e valida di Pantaleoni, con Parri che chiude con 3 strike-out consecutivi su Balgera, Malavè e Gaiardo. Finisce qui la partita di Parri (rl 4 bvc 10 bb 0 so 9 pgl ), entra Lenzerini ma le cose non migliorano per Firenze con la Telemarket che segna altri sei punti al 5°, complice anche una difesa toscana distratta, che commette due errori pesanti con gli uomini in base (12-0). Dall’altra parte Moceri, pur non brillando per controllo, concede solo due valide alla Faliero (rl 5 bvc 2 bb 3 so 4 pgl 0) prima di lasciare il monte all’inossidabile Cabalisti e a Bartolucci, che chiude con 3 strike-out il match al 7° per manifesta inferiorità sul 14-0 per i Pirati (gli altri due punti neroarancioni al 6° con il doppio di un ottimo Baldacci, la valida di Evangelisti, una battuta interna di Pantaleoni e un lancio pazzo di Lenzerini).

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.