Il Cus Ceci a Bologna senza Ceriani

Improvviso ritorno in America del ricevitore, afflitto da problemi personali. Bertolini verso l'esordio

Matt Ceriani ha detto addio al Cantine Ceci Cus Parma e probabilmente all'Italia. Il ricevitore italo americano ha chiesto e ottenuto la risoluzione consensuale del contratto per risolvere alcuni problemi personali non meglios pecificati.
“Era sempre più triste” ha detto il manager parmense Catanoso “Non avrebbe avuto senso trattenerlo”.
Per sostituire Ceriani è già arrivato dal venezuela Pablo Candotti, le cui pratiche di tesseramento saranno però difficilmente evase entro venerdì.
Il ruolo di catcher titolare sarà quindi ricoperto a Bologna da Andrea Bertolini (classe 1981, 'rookie' della serie A1).
“In lui ho piena fiducia” ha detto Catanoso “L'unica perplessità che ho è sulla tenuta, visto che Andrea non è certo abituato a ricevere 3 gare in 2 giorni. Di Pace, Rizzoli e Finetti si sono detti comunque disposti ad avvicendarlo, se ce ne fosse bisogno”.

I problemi del Cus non finiscono qui.
Max Fochi ha un fastidio al piede sinistro e non si è allenato. Camilli ha avvertito un dolore al ginocchio destro sabato col Nettuno e Di Pace non ha giocato la gara di sabato sera dopo essere stato colpito. entrambi però si stanno allenando regolarmente.

A livello di lanciatori verrà confermata la rotazione con Moreno, Olenberger e Bova. Massimino darà il suo contributo dal bull pen.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1195 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.