Matt Ceriani è il nuovo catcher del Cus Ceci

L'italo americano avrà il giovane Bertolini come secondo. Parisi in prestito?

Prende forma il Cantine Ceci Cus Parma per la stagione 2003. La società ha infatti ingaggiato anche il suo ricevitore titolare: si tratta di Matthew Ceriani, giovane italo americano con una solida esperienza da professionista.
Ceriani sarà il titolare, con il giovane Bertolini (prelevato dallo Junior Parma) come 'back up'. Parisi sembra destinato ad essere girato in prestito e l'arrivo di Ceriani, combinato a quello del terzo straniero Larkin, sembra indicare la rinuncia alle prestazioni di Sean Mulligan.

Matt Ceriani è nato il 9 ottobre 1976 e risiede a Vacaville in California. E' alto 1.90 e il suo peso forma è di 100 chili.
Diplomatosi all'Università del Mississippi, ha firmato da professionista nel 1999 con i Brewers. Dopo 2 stagioni giocate a livello di 'Singolo A' con i Brewers, che lo valutavano un grande prospetto in difesa, è stato rilasciato.

Nel 2002 ha giocato solo 3 partite in 'Doppio A' con gli El Paso Diablos (organizzazione Diamondbacks) nella 'Texas League' prima di essere rilasciato.
Gran parte della stagione l'ha quindi passata con i Solano Steelheads nella indipendente 'Western League'.
Ha giocato 62 partite, 59 da catcher, chiudendo a media 292 con 12 doppi, 7 fuoricampo e 27 punti battuti a casa. Ha subito solo 28 strike out in 241 turni alla battuta. In difesa ha commesso 10 errori.

La rosa del Cus Parma è ora al completo per quel che riguarda i cosiddetti 'position players'. Molte riserve devono invece ancora essere sciolte per quel che concerne il monte di lancio. Arriveranno 3 lanciatori, 2 dei quali dovrebbero essere vecchie conoscenze; la rosa dei 'papabili' comprende 3 lanciatori di proprietà del Cus (Massimino, Nyari e Scarcella) e altri lanciatori controllati dal Parma.
Il pezzo da 90 dovrebbe però essere un volto nuovo sul quale non ci sono altre informazioni.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1195 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.