Thome: “Coi Phillies per vincere”

Il super pagato prima base all'inizio della sua nuova avventura

Ai primi passi della sua nuova avventura in maglia Phillies, il free agent più pagato dell’anno, Jim Thome, ha esordito al camp della squadra con le idee chiare, volendosi lasciare alle spalle le polemiche per il suo doloroso distacco dagli Indians e dichiarando di essere caricato al massimo per vincere con la sua nuova squadra entro breve termine. Ho scelto i Phillies per due ragioni essenziali: la possibilità di aver garantito un contratto per sei anni e, soprattutto, aver raggiunto una squadra fortemente competitiva per il titolo, ha detto, aggiungendo di non voler essere ricordato solo per i molti soldi guadagnati con lo spostamento.

Anche Barry Bonds non ha il morale basso in attesa di una stagione con tanta voglia di rivincita per lui e per tutti i Giants. Scherzando con la stampa dopo l’arrivo al camp, l’esterno di San Francisco ha ricordato a sé stesso di dover essere più preciso nel rivolgere le sue preghiere. Ho sempre desiderato di raggiungere le World Series e in questo sono stato accontentato, ma evidentemente mi ero dimenticato di aggiungere che, una volta arrivatoci, le avrei anche volute vincere!, ha dichiarato. Intanto, si dovrà sottoporre ad un leggerissimo intervento chirurgico al gomito sinistro, che non pregiudicherà la preparazione.

Un altro pezzo da novanta, il pitcher dei Dodgers Kevin Brown, ha raggiunto i compagni appena in tempo per il primo allenamento a ranghi completi, dichiarandosi speranzoso di poter essere della partita fin dall’opening day, nonostante le sue condizioni fisiche, dopo gli interventi subiti nell’ultimo anno e mezzo, necessitino di essere monitorate con attenzione in queste settimane dallo staff di Los Angeles.

In casa Yankees proseguono le giornate sotto i riflettori per Hideki Matsui, il cui semplice turno di allenamento in battuta in compagnia di Williams e Johnson è stato capace di scatenare un entusiasmo incredibile tra i numerosi tifosi presenti ( più di 2500, 80{7d14d983f1401145755820e177b04bf33a751ed5db279cb1f2a1101fab2dba17} in più rispetto allo stesso giorno di camp dello scorso anno). Il giapponese ha ricambiato colpendo quattro fuoricampo nei 51 giri di mazza effettuati.

Dalle parti degli A’s comincia invece a delinearsi il vero motivo di interesse di questi loro spring trainings. Con una rotazione tra le migliori nel baseball e un ordine di battuta sostanzialmente a posto, il grosso del lavoro per lo staff tecnico di Oakland sarà dedicato alla ricostruzione del bullpen, orfano di Tam, Venafro e dell’infortunato Mecir. Sarà lotta serrata per i tre o quattro posti disponibili, essenzialmente tra i sei nuovi arrivati Jose Silva, Jeremy Fikac, Buddy Hernandez, Michael Neu, Roy Smith e Joe Valentine,più qualche interessante prospetto.

Un Mo Vaughn decisamente più tonico del solito si è presentato a St.Lucie, casa dei Mets, con l’intento di rispettare fino in fondo i cinque anni di contratto firmati con il club newyorkese. Anche per questo, ha dovuto passare l’inverno a sudare per riacquistare una forma decente dopo l’ultimatum lanciatogli dal proprietario della squadra Wilpon. Entusiasmo anche dalle parti degli Astros, con l’arrivo delle due bandiere Bagwell e Biggio a scatenare gli applausi maggiori da parte dei tifosi. In particolare, Biggio non si è sottratto dal dichiarare di voler iniziare a mille gli allenamenti per affrontare al meglio la sfida di un probabile spostamento in campo esterno dopo una vita passata in seconda.

Infine, arrivato al camp dei Royals, con i quali ha rifiutato un rinnovo contrattuale da 25 milioni, Carlos Beltran ha detto che, contrariamente a quanto pensano tutti, la sua porta verso la società di Kansas City non è chiusa. Ma per restare ancora con la squadra anche dopo la sua ultima stagione di contratto, Beltran si aspetta significativi progressi in fatto di competitività

Informazioni su Emiliano Raccagni 119 Articoli
26 anni, collaboratore baseball Usa

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.