World Series: Ai Giants la prima: 4-3

San Francisco vince una sfida equilibrata e caratterizzata da ben 5 fuoricampo. Decisivo quello da 2 punti di Snow. Gara 2 questa notte

Le “World Series” 2002 iniziano nel segno dei Giants e dei fuoricampo. Ben cinque ne sono stati battuti e 4 sono stati da un punto. Decisivo si è quindi rivelato quello di Snow alla sesta ripresa, che di punti ne è valsi 2.
Con partenti non brillantissimi, sono saliti in pedana presto i rilievi, che hanno confermato tutta la solidità dei rispettivi bull pen.

E' una giornata perfetta per il baseball. Anche se sono le 5 del pomeriggio, ad Anaheim non c'è spazio per uno spillo allo stadio “Edison”. Non a caso i bagarini chiedono dai 1500 ai 2000 dollari per un biglietto.
Nessuna sorpresa all'annuncio delle formazioni: Washburn guida gli Angels alla sfida con Schmidt. I Giants si adattano alla regola del battitore designato inserendo nel line up il giapponese Shinjo.

Al secondo Bonds mette subito la firma sulle “World Series”, spedendo la palla veloce di Washburn lontanissima dietro l'esterno destro. E' solo il sesto fuoricampo che Washburn concede ad un mancino quest'anno.
I Giants ci prendono gusto e, dopo un out, Reggie Sanders raddoppia con un altro homer a basi vuote. Il sorriso che ha fatto amare Washburn a molti tifosi onestamente sembra incrinarsi.

Bonds e Sanders non sono comunque gli unici a battere un fuoricampo al primo turno delle 'World Series'. Alla seconda parte della seconda ripresa Troy Glaus, sul conto di 0-2, castiga una curva di Schmidt rimasta in mezzo al piatto e dimezza lo svantaggio dei padroni di casa.
Al terzo gli Angels falliscono l'occasione del pareggio, non riuscendo a far segnare Kennedy, in seconda grazie ad un doppio e con zero eliminati.

Al quarto Washburn si complica la vita. Dopo aver messo al piatto Bonds per il secondo out, concede un singolo a Santiago e 2 basi ball. Un pop fly di Bell a destra chiude comunque l'inning.
Anche Schmidt soffre l'attacco avversario. Un doppio di Spiezio sembra metterlo in crisi, ma il partente dei Giants chiude facendo battere Molina in diamante.
Al quinto Dusty Baker 'battezza' la partita come chiusa. Dopo la valida d'apertura si Shinjio, chiede a Lofton di portare il compagno in seconda con un sacrificio. Dopo il 'bunt' del lead off però nè Aurilia nè Kent riescono a far avanzare il giapponese.
Al cambio campo gli Angels colpiscono Schmidt con 2 valide consecutive di Eckstein e Erstad, che creano situazione di corridori agli angoli. Ma ancora una volta l'occasione sfuma: ne Salmon nè Garret Anderson riescono a far compiere ad Eckstein gli ultimi 27 metri.
Sembra che oggi si segni solo su fuoricampo. Con 2 out, e Washburn palesemente affaticato, i Giants colpiscono duro. Sanders apre la strada con un fuoricampo e J.T.Snow punisce gli sprechi altrui con un homer all'esterno centro; è il secondo per lui nella post season, dopo che ne aveva ottenuti solo 6 nella stagione regolare. La partita di Washburn finisce qui e in pedana sale Donnelly, che chiude la ripresa.
Gli Angels sono comunque in partita. Al cambio campo Glaus ottiene il secondo successo personale della partita, stampando un fuoricampo a sinistra sulla palla dritta di Schmidt. Il terzo punto degli Angels è anche il primo segnato senza fuoricampo. Fullmer riceve la base per ball e avanza su una battuta in diamante. Il singolo di Adam Kennedy lo porta a casa e decreta la fine della partita di Schmidt, rilevato da Felix Rodriguez.

Gli Angels sostituiscono il destro Donnelly col mancino Schoeneweis per affrontare Bonds. Ne scaturisce una base per ball, che invita Scioscia a cambiare ancora: il destro Weber lancia a Santiago. Sulla battuta in diamante di Santiago, che è il secondo out, Bonds avanza in seconda; Weber comunque chiude l'inning mettendo al piatto Sanders.
I Giants affrontano l'ottavo attacco avversario con Worrell. Dopo 2 out, Worrell passa in base per ball Spiezio. Gli Angels mandano in prima a correre il veloce Figgins e inseriscono il pinch hitter Orlando Palmeiro. Worrell va sotto nel contro di 3 ball, ma poi costringe Palmeiro ad una volata in diamante.
Quando alla vittoria di San Francusco mancano 3 out in pedana sale il closer Robb Nen. Proprio una rimonta contro nen nel 2000 lanciò ad Anaheim la moda del “rally monkey”, la scimmietta simbolo che appare da tutte le parti sulle tribune. Questa volta però Nen non lascia possibilità agli Angels e consegna la prima vittoria delle 'World Series' a San Francisco.

Gara 2 si gioca questa notte alle 2. I partenti saranno Ortiz per San Francisco e Appier per Anaheim.

GIANTS 0 2 0 0 0 2 0 0 0 = 4
ANGELS 0 1 0 0 0 2 0 0 0 = 3
note: battute valide Angels 9, Giants 6; errori Angels 0, Giants 0
Fuoricampo: Bonds (2°, 1p.), Sanders (2°, 1p.), Glaus (2°, 1p. e 6°, 1p.), Snow (6°, 2p.)
Lanciatore vincente Schmidt (salvezza Nen), lanciatore perdente Washburn

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.