“E' una frode”

Dalla Russia una voce fuori dal coro accusa di brogli le società del paese Vice Campione d'Europa.

Adesso basta. Datemi almeno voi la possibilità di parlare!
Chi ci ha rivolto questo accorato appello è Sergei Borisov dalla Russia.

Voi organi d'informazione dovete aiutarmi a porre fine a questo scandalo.
Lo scandalo è l'utilizzo disinvolto che le squadre russe fanno nelle Coppe Europee di giocatori tesserati in patria per altre squadre.
I casi sono 4, tutti documentati su video cassetta continua Barisov. Parlo di giocatori dell'MGU Tornado utilizzati in Coppa Campioni dal CSK VVF e in Coppa Coppe Poule B dall'MGFSO.
I nomi sono di primo piano: si tratta dell'interbase titolare della nazionale vice campione d'Europa Valeri Platonov e del lanciatore Alexandrov, che secondo Borisov hanno giocato irregolarmente in Coppa Campioni, e del lanciatore Anton Shiroky, altro nazionale, e dell'anziano esterno Sergei Iljin in Coppa delle Coppe.

Borisov, ma lei ha denunciato la cosa alla Federazione Europea? Certo che sì. Però la risposta che ho ricevuto da Giampaolo Reiter è stata sconsolante. Ha detto che loro non ci possono fare nulla e che devono prendere per buona la documentazione che arriva dalle Federazioni nazionali.
Borisov continua: Oltretutto, non è la prima volta che succede. Vidi di persona una cosa del genere durante la Coppa CEB del 1998, ma i dirigenti della Federazione russa riuscirono a portare all'evidenza della CEB una documentazione che li scagionò. Allora non avevo filmato le partite però.

Sergei, non pensa che alla fine questo possa essere un peccato veniale? In fondo si tratta di rendere più competitiva la Russia…Ah, siamo uno sport dilettantistico e tutte queste belle chiacchiere? Balle. Secondo una regola che risale all'Unione Sovietica, un giocatore russo che vince un torneo internazionale diventa un 'Maestro dello Sport Internazionale”. Ogni allenatore che riesce a sviluppare giocatori di quel livello ha dei vantaggi economici.

Ora non resta che attendere dalla Federazione Europea una risposta a queste pesantissime accuse

Informazioni su Riccardo Schiroli 1195 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.