Il palcoscenico è tutto per Bonds

Definire stellare l’inizio di stagione per Barry Bonds è forse riduttivo. Il formidabile esterno dei Giants è il secondo giocatore nella storia ha battere due fuoricampo nelle prime due partite di campionato. Una pioggia di

Definire stellare l’inizio di stagione per Barry Bonds è forse riduttivo. Il formidabile esterno dei Giants è il secondo giocatore nella storia ha battere due fuoricampo nelle prime due partite di campionato. Una pioggia di palline è caduta sul Dodgers Stadium, con i padroni di casa umiliati da un pesante 12-0, condito da quattro home runs. Bonds ha spedito la palla sulle tribune sia affrontando il partente Hideo Nomo che il suo rilievo Terry Mulholland, semplicemente disastrosi. Il lanciatore di San Francisco Ortiz e ad altri due rilievi hanno concesso solo 4 valide ai Dodgers.

Nella NATIONAL LEAGUE, meriterebbe la copertina anche il prima base dei Mets Mo Vaughn, tornato dopo un anno di stop forzato a colpire un fuoricampo, il 300esimo della sua straordinaria carriera, nell’incontro perso 5-3 contro i Pirates. Pokey Reese ha battuto la valida della vittoria per Pittsburgh nel sesto inning, dopo che i suoi avevano nelle riprese precedenti lasciato diversi uomini sulle basi. Decisivo un errore di Alomar e l’inconsistenza del bullpen newyorkese.

Un’altra battaglia all’Olimpic Stadium di Montreal, anche se questa volta è Florida a spuntarla per 6-5, fermando la rimonta canadese (4 punti nel nono con fuoricampo di Guerrero e Olsen) in extremis. Per i Marlins un grande slam messo a segno da Derek Lee. Ritorna a colpire un valida in maglia Expos Andreas Gallaraga.

Philadelphia supera Atlanta 3-1 grazie soprattutto ad una splendida prova del lanciatore 24enne Vincente Padilla, al suo esordio assoluto nelle Majors. Il giovane debuttante ha concesso solo tre valide in 6 riprese lanciate. Decisivo per i Phillies Pat Burrel, con due battute e un fuoricampo. Per i Braves, il neo acquisto Gary Sheffield ha battuto il suo secondo fuoricampo consecutivo in altrettante gare.

Senza storia l’incontro tra Cubs e Reds, con Chicago vincente per 10 a 3. Ritorna a colpire un home run Sammy Sosa. Grande prova offensiva, con 3valide su 4, per il 22enne Corey Patterson, mentre il vincente Kerry Wood è rimasto sul monte 5 riprese, eliminando al piatto 10 avversari. E’ stata rissa quando il rilievo di Cincinnati Louis Pineda, poi espulso, ha colpito Todd Hundley con un lancio, provocando l’ingresso in campo di tutti i giocatori.

Houston ha superato Milwaukee con un netto 15-2, segnando 8 punti nel quarto inning e bombardando letteralmente il partente dei Brewers Ruben Quevedo, la cui partita è durata poco più di tre innings. Fuoricampo per gli Astros colpiti da Ward, Ausmus e Berkman.

Larry Walker (1 HR) e Todd Zeile hanno guidato Colorado alla vittoria per 6-3 sui Cardinals. Tutti i punti dei Rockies messi a segno nelle prime due riprese, che hanno fatto del lanciatore di St. Louis Garret Stephenson il perdente della gara. Infine, primo stop stagionale per i campioni in carica di Arizona, sconfitti 8-7 in una battaglia con i Padres, che hanno fermato la veemente rimonta dei D’Backs con il closer Trevor Hoffman, che ha ottenuto il sospirato terzo out nel nono con le basi piene e dopo aver concesso due punti.

Nella AMERICAN LEAGUE primo successo per gli Yankees, che piegano 1-0 gli Orioles dopo un testa a testa tra lanciatori. Splendida prova sia di David Wells, che ha segnato un trionfale ritorno con i Bronx Bombers, sia dell’avversario di Baltimora Jason Johnson, piegato solo dal decisivo fuoricampo, il primo in pinstripes, di Robin Ventura. Salvezza per Mariano Rivera.

Incontro infinito tra Davil Rayes e Tigers, con Tampa Bay vittoriosa per 2-1 grazie ad una valida decisiva messa a segno al 12esimo inning da Randy Winn. Grandi prove di entrambi i partenti Sparks e Wilson.

Altra interessante sfida tra lanciatori quella consumatasi a Kansas City, con i padroni di casa sconfitti 1-0 dai Twins, i cui pitchers hanno concesso solo tre valide ai Royals. Singolo vincente per David Ortiz e vittoria preservata da una giocata difensiva in esterno centro operata da Torn Hunter, che ha letteralmente scippato un fuoricampo a Sweeney.

Gli Indians si aggiudicano la serie contro gli Angels, superati 6-5. Vittoria sul monte per la matricola Ryan Derse, che ha sostituito all’ultimo momento Chuck Finley. Per Cleveland, protagonisti Matt Lawton e Brady Anderson, entrambi con un paio di punti battuti a casa.

Oakland passa sui Rangers mettendo a segno 3 punti nell’ottava ripresa. Fuoricampo per David Justice e vittoria per il rilievo Jim Mecir. Gli A’s vincono 9-6.

I Mariners si aggiudicano la serie sui White Sox vincendo 7-6 la gara disputata al Safeco Field. Per Seattle, decisivo un singolo colpito da Boone nel nono con due eliminati e due strikes. Chicago ha sprecato un vantaggio di tre punti soprattutto a causa del closer Keith Foulke, che ha mancato la salvezza concedendo la bellezza di 4 punti in 2/3 di inning.
Incontro posticipato causa pioggia tra Boston e Toronto.

Informazioni su Emiliano Raccagni 119 Articoli
26 anni, collaboratore baseball Usa

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.