Gli azzurri nella tana dei grandi

Si respira la storia del baseball nel complesso dei Mets di Port St. Lucie

Tra giovani latini di belle speranze e leggende viventi (qualcuno giura di avere incrociato Mickey Mantle) l'avventura della nazionale maggiore a Port St. Lucie, nel complesso dei Mets di New York è iniziata oggi alle 10.30 locali (le 17.30 italiane, visto che qui l'ora legale scata solo sabato notte).

La prima seduta di allenamento è stata abbastanza leggera. Fase difensiva, batting practice e lavoro atletico per i lanciatori.
La prossima settimana (lunedì, mercoledì e giovedì) gli azzurri saranno impegnati in 3 gare amichevoli contro selezioni di Minor League dei Mets ancora impegnate nell'Extended Spring Training.

Ricordiamo che a disposizione di Faraone sono i lanciatori Martignoni (San Marino), Betto, Nava (Italeri Bologna), Baddi, De Sanctis (Orioles Grosseto), Bartolucci (Semenzato Rimini), Salciccia (Danesi Nettuno), Mariani (Palfinger Reggiana); i ricevitori Landuzzi (Italeri) e Malagoli (Modena); gli interni Castrì, D’Auria, Schiavetti (Danesi); Bischeri (Orioles), Bissa (San Marino), Pantaloni (Semenzato); gli esterni Liverziani, D. Frignani (Italeri), De Franceschi, Mazzanti (Danesi), Finetti (Ceci Cus Parma).
A completare lo staff tecnico sono in America Claudio Corradi, Roberto Radaelli, Salvatore Varriale e Sergio Morville.
Lo staff medico è composto dal dottor Gaetano Schiavottiello e dal fisioterapista Stefano Canali.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1195 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.