Investire sull’attività giovanile

Coltivare i talenti nostrani e lanciarli con coraggio

Investire molto, e bene, sull’attività giovanile.
E’ questo, a mio giudizio, uno dei punti cardine sul quale società e Federazione dovranno cercare di lavorare in forte sinergia per dare un consistente impulso a tutto i movimento.
Coltivare l’entusiasmo per i giovani, così da poter alimentare egregiamente il futuro.
Parliamoci chiaro, attualmente il professionismo nei nostri baseball e softball non esiste ancora.
Lo sforzo che bisogna fare è quello di impedire a chi è troppo forte di soffocare i più piccoli. L’”oriundite” esasperata nelle serie minori potrebbe creare troppi sbalzi e tanti ragazzi rischierebbero di non trovare spazio.
Solo la gioia per questo meraviglioso gioco potrà innescare il virtuoso volano della salvezza.
E’ fondamentale credere ed investire nel lavoro oscuro degli allenatori che prestano il loro impegno nell’attività giovanile. La loro missione è quella di allevare i talenti e di vivere la carriera dei loro giovani giocatori o giocatrici come se fosse la propria vita. Bisogna entrare nella parte e capire che non è per nulla premiante lavorare sodo nei vivai, e non solo per un discorso puramente economico.
La realtà odierna è che si guarda sempre e troppo al vertice ed, eccezion fatta per alcune ‘isole felici”, poco, troppo poco, alla base.
Ricordiamoci però che la crescita dei grandi club e conseguentemente di tutto il movimento, è legata a doppio filo alla vita delle piccole società dove un ragazzo od una ragazza emergenti possono diventare una stella.
Credo ci voglia quindi maggior coraggio verso i giocatori e le giocatrici tra i diciassette ed i venti anni.
E’ sbagliato e falso pensare che non siano pronti per palcoscenici come la B e la A2.
Il talento non è sufficiente se non ci sono spinte giuste e precise responsabilità.

Informazioni su Angelo Introppi 192 Articoli
Nato a Lodi, dove attualmente vive e lavora, 38 anni, analista programmatore presso la Bipielle ICT del Gruppo Banca Popolare di Lodi.Diplomatosi nel 1981 come Perito industriale elettrotecnico ha lavorato al Quality Assurance della IBM Italia presso il Plant di Vimercate dal 1983 fino al settembre del 1987, per poi passare al Settore Informatico del Gruppo Bipielle di Lodi.Ha giocato a baseball nel BC Old Rags Lodi nel 1979 e 1980, fiduciario provinciale FIBS dal 1995 al 2000; dal 2001 segretario del Comitato Provinciale FIBS. Si è sempre occupato dei rapporti con la stampa collaborando con la testata giornalistica sportiva de "Il Cittadino", quotidiano della Provincia di Lodi distribuito da Milano Sud fino a Piacenza ed in tutto il territorio provinciale.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.