Si aprono i primi camp i Florida

Diverse squadre iniziano gli allenamenti primaverili

Diverse squadre hanno aperto ieri lo spring training, in Florida.
Gli Expos, dopo un inverno in cui hanno seriamente rischiato di essere eliminati, sono tornati alla normalità…o quasi, visto che dopo la cessione da parte di Jeffrey Loria, sono ora posseduti da un ‘consorzio”, formato dagli altri 29 proprietari. ‘E’ una sensazione diversa rispetto al solito-dice il lanciatore Carl Pavanoma è sempre la stessa cosa. Lo staff non è lo stesso dell’anno scorso, e qualcosa è cambiato, ma ciò non influisce sul modo in cui dobbiamo fare il nostro lavoro”.
Anche alcuni lanciatori dei Diamondbacks hanno iniziato ieri ad allenarsi in Florida, e nei prossimi giorni cominceranno anche Reds, i Mets, i Cubs, i Pirates e i Red Sox.
All’apertura del loro camp, i Braves si sono accorti che l’interbase Rafael Furcal è invecchiato…di due anni! La vera età del 23enne Furcal, che sosteneva di avere 21 anni, è stata scoperta quando il giocatore ha avuto difficoltà a tornare degli Stati Uniti dalla nativa Repubblica Dominicana, a causa di alcuni problemi doganali.

Il lanciatore dei Devil Rays Esteban Yan, primo giocatore a ricorrere quest’anno all’arbitrato, ha perso la causa, e riceverà quindi un salario di un milione e 500 mila dollari, come proposto dalla squadra, invece dei 2 milioni e 400 mila che aveva chiesto.
L’interbase Neifi Perez si è presentato ieri davanti al pannello arbitrale: il giocatore chiede un aumento da 3 milioni e 550 mila a 5 milioni, mentre i Royals vorrebbero pagarlo 4 milioni e 100 mila. Nel corso della prossima settimana, altri 6 giocatori si sottoporranno all’arbitrato.

L’agente del lanciatore dei Twins Rick Reed ha detto che il suo cliente non giocherà per Minnesota quest’anno, e se non sarà ceduto entro il 15 marzo eserciterà il suo diritto di diventare free-agent. Il giocatore, arrivato ai Twins dai Mets a metà della scorsa stagione, aveva chiesto subito dopo le World Series di essere ceduto, guadagnandosi così il diritto di rescindere il suo contratto nel caso la sua richiesta non fosse accolta.

Nonostante alcune voci contrarie, il general manager dei Red Sox Dan Duquette ha detto ieri che si aspetta di mantenere il posto, anche se la squadra ha cambiato proprietà. I nuovi padroni non hanno annunciato pubblicamente le loro intenzioni, fino ad ora, ma Duquette ieri ha detto: ”Sono il general manager. E’ tempo di spring training e sono qua. Non vedo l’ora di cominciare la stagione, di fare il mio lavoro con i Sox e di raggiungere l’obiettivo principale, il titolo”.
Nel frattempo, l’interbase Gary DiSarcina, che ha perso quasi due intere stagioni dopo un’operazione alla spalla, ha firmato un contratto di lega minore con i Sox; il giocatore, veterano di 9 annate con gli Angels potrebbe diventare riserva di Nomar Garciaparra a Boston.

Le Majors hanno subito un’altra sconfitta legale ieri, quando il giudice Harry Seymour Crump della contea di Hennepin ha ordinato ai Twins e all’ufficio del commissioner di fornire alla società che gestisce il Metrodome una serie di documenti relativi ai piani di ‘contrazione”.
La Metropolitan Sports Facilities Commission spera di utilizzare i documenti per trovare una via legale che obblighi la squadra a rimanere a Minneapolis anche nelle stagioni successive al 2002.

Infine, i Rangers hanno messo sotto contratto per un anno e 2 milioni e 300 mila dollari il ‘jolly” Frank Catalanotto, evitando così l’arbitrato sul suo salario.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.