Reese cambia ancora

Durante l'inverno è stato ceduto a 3 squadre

Il mercato ci riserva oggi 2 affari di primo piano.
L'interno Pokey Reese avrebbe raggiunto un accordo con i Pirates per 2 anni. Il condizionale è d'obbligo perchè Pittsburgh è la terza squadra (dopo Rockies e Reds) alla quale il pittoresco veterano è stato ceduto quest'inverno.
Lo 'slugger' Lance Berkman (25 anni) ha firmato per 3 anni per gli Astros. Guadagnerà 10.5 milioni di dollari.

Sono molte comunque le operazioni di medio calibo.
Gli Angels hanno messo sotto contratto l'interno Scott Spiezio per una stagione al prezzo di 2.275 milioni.
Gli Orioles hanno cercato di ovviare alla loro penuria di esterni acquisendo Chris Singleton (29 anni) dai White Sox in cambio del 'prospetto' Willie Harris (23 anni).
I Devil Rays hanno firmato un accordo con l'esterno Randy Winn (27 anni) che guadagnerà 960,000 dollari e hanno proposto un contratto di 'Minor' all'esterno Troy O'Leary.
I Phillies hanno deciso di dare un'altra chance a Ricky Ledee, tagliato dai Rangers. Il portoricano ha firmato per 1 anno.
I Twins rinforzano invece il loro parco lanciatori con un accordo annuale da 545,000 dollari con il rilievo Travis Miller.
Un altro rilievo si aggiunge al 'bull pen' dei Rangers. Si tratta di Dan Miceli (31 anni).
Gli Yankees hanno offerto a loro volta una nuova opportunità a Mike Thurman (28 anni), un rilievo che lotterà per un posto in 'Major' al prossimo Spring Training.
A proposito dei 'Bronx Bombers', il preparatore dei lanciatori Stottlemeyre ha annunciato l'intenzione di ritirarsi dopo la stagione 2002.

Brevemente vi diamo l'elenco dei contratti di 'Minor': I Mets hanno firmato con l'esterno Esix Snead e il rilievo Mark Corey; i Reds si sono accordati con il rilievo Lance Davis e l'esterno Austin Kearns; i Red Sox hanno invitato il lanciatore Chris Elmore allo Spring Training.

A Scottsdale, Arizona, sono infine ripresi gli incontri per il contratto collettivo di lavoro dei giocatori.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.