Intervista a Corradi e Bindi

Baseball.it continua il suo viaggia tra le panchine della Serie A1

Oggi e' il turno di Claudio Corradi del CUS Ceci Parma e di Doriano Bindi della T&A San Marino.


A Claudio Corradi non abbiamo avuto il coraggio di chiedere se era soddisfatto dal rendimento dei suoi, ma l'allenatore del Cus Parma non si è comunque fatto pregare per esprimersi: Peggio di così, non si poteva andare. Non me lo sarei immaginato, sinceramente. Anche perchè ad inizio stagione, con la rosa ridotta all'osso, avevo visto una certa grinta. Adesso, invece…
L'impressione è che non abbiate avuto le idee chiare, costruendo la squadra Io potrei essere d'accordo, ma non credo che sia questo il punto. Abbiamo perso 6 o 7 partite con uno scarto di un punto e 3 con uno scarto di 2. Questo vuol dire che non siamo stati in grado di farle girare, queste gare, quando avevamo l'occasione. E l'occasione l'abbiamo avuta, ho rivisto gli score.
Dovete lavorare di più? Lavoriamo moltissimo. Infatti non riesco a capacitarmi di quel che succede. E' evidente che mi devo prendere le mie responsabilità…ma, ripeto, se succede che i battitori non riescono mai a sfruttare le occasioni, anche la panchina può fare poco. E' una situazione bruttissima. A Grosseto eravamo andati pieni di fiducia e ne abbiamo perse 3. Con il Rimini è stato un disastro. Comunque, se avete critiche fatele. Le accetterò!.
Corradi, per chiudere una domanda fatta a tutti i colleghi. C'è un giocatore che l'ha impressionata? Wakita è stato una bellissima scoperta, ma anche Carlo Patrone del Nettuno mi è sembrato davvero un campione.



Doriano Bindi non è certo soddisfatto del rendimento della sua squadra: Direi di no. O meglio, avevamo cominciato bene. La squadra giocava un buon baseball e vinceva. Poi se ne è andato Leslie e da lì è stato un disastro…
Parli del comportamento della squadra? No, di quel che è successo. Abbiamo preso Tobias Price, ma non ci ha dato una grossa mano. Poi si sono infortunati Tarducci, Francolini e adesso anche Spadoni. E' un momentaccio….
La società sembra disposta ad intervenire….Sì, dopo l'arrivo di Kishita abbiamo deciso di tagliare Price per prendere un battitore che ci dia qualcosa in più sul serio. Abbiamo poco tempo, però.
Quindi, che prospettive avete? Faremo di tutto per salvarci, ma abbiamo perso parecchio terreno. Purtroppo negli scontri diretti abbiamo totalizzato un record di 2 vittorie su 9 partite che non ci fa onore. Ma abbiamo davvero giocato in condizioni pessime: senza stranieri, con molti infortuni. Al ritorno possiamo e dobbiamo fare di più.
Parlando delle altre squadre, ci sono sorprese? La sorpresa più bella secondo me è Paternò, che al primo anno di A1 sta andando splendidamente. Anche Anzio, secondo me, sta facendo un bel campionato.
Sono incerto se la sorpresa negativa siamo noi o Parma, che per la verità è molto indietro
.
I migliori giocatori? Io sono stato molto impressionato da Francois del Nettuno, che mi sembra un campione completo. Ho visto che sta giocando bene Marchesano, che contro di noi non mi era sembrato granchè. Mi aveva fatto più impressione Vitale del Caserta. Tra gli stranieri tutti parlano di Wakita, che è forte ed intelligente, ma non è che quando lo vedi faccia una grande impressione, almeno a livello di velocità. Secondo me però il miglior lanciatore del campionato è Kelly del Modena. Se giocasse nel Bologna, non avrebbe perso ancora una partita..

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.