Triple Play Baseball 2001 (3°)

Terza parte, la partita

In questa terza parte parleremo della partita vera e propria.
Tenendo conto che i giocatori sono fatti benissimo, che gli stadi sono forse i più belli e realistici mai fatti, la fisica del gioco invece non mi vede affatto contento (parere personale naturalmente).
I difensori non hanno un braccio, hanno un cannone e qualche volta l’esterno sinistro su una valida fa l’out in prima.
Alcune giocate di interbase e seconda base poi sembrano irreali con torsioni e relativa cannonata sulla base che neanche in un film anni 70 di karate si vedevano.
La sfida lanciatore/battitore è invece ben simulata.
Il lanciatore ha a disposizione vari lanci secondo le sue caratteristiche mentre il battitore può scegliere se battere di potenza o di contatto più naturalmente il bunt.
La gestione sulle basi è alquanto macchinosa ma con un po di pratica qualcosa di buono salta fuori. Consigliato un gamepad per i molti tasti da premere.

nnMolto belle le scene di intermezzo dei giocatori quando entrano con il catcher che va a dare un cinque al lanciatore e via dicendo.
La telecronaca è a due voci e devo dire che è veramente fatta bene e aggiunge una nota di colore che SHH2001 se la sogna.
nAl massimo livello di difficoltà non è cosi facile battere e il computer a un nostro errore di lancio spedisce di sovente la palla nei parcheggi.
Non c’è un cursore per dirigere i lanci ma l’aftertouch, che non è proprio una cosa reale ma aiuta a non essere massacrato dai battitori avversari.

nInvece nei livelli bassi la partita si riduce a un “chi batte di più”.
Mi ricordo di aver letto una recensione di un americano che diceva “… TP2001 è il sogno di tutti quelli che nel baseball reale non ci hanno mai preso con la mazza …”

nIn EXBITHION GAME fate come al solito la vostra bella partita, in PLAYOFF scegliete una squadra e giocate i playoff fino al titolo mentre in SEASON prendete una franchigia e la seguite per anni cercando di portarla in cima alla MLB.
Facendo la modalità SEASON TP2001 offre una particolarità che SSHH2001 non ha, ovvero la compravendita dei giocatori.
Ogni squadra ha un budget iniziale per formare la squadra e lo si dovrà gestire bene per non finire in bolletta.
Tirando le somme TP2001 è un bel giocone, non un simulatore di baseball. Se a questa grafica si aggiungesse la profondità simulativa di SSHH2001 nascerebbe “il gioco”.n

Informazioni su beppe 10 Articoli
Nato a Bologna e residente a 400 metri dal Gianni Falchi ho scoperto il baseball per forza, visto che tutti i miei amici ci giocavano. Ho giocato praticamente sempre nella Ponticella (San Lazzaro di Savena) dalle giovanili alla C1 (ora serie B se non sbaglio) per 13 anni. Ho fatto due anni a Ozzano dell'Emilia e poi mi sono ritirato per problemi fisici e gastronomici. In compenso ho potuto coltivare la mia passione sportivpciistica vincendo una World Series in una fantasy league su Internet con FPS:BASEBALL 98 contro 22 americani e un israeliano ... naturalmente con i Mets.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.