10 domande a Mauro Mazzotti

A poche ore dal primo playball, abbiamo posto alcune domande via e-mail al manager campione d’Italia

D: Allora, Mauro dopo i primi mesi a Bologna sei contento della scelta,ncredi di poter difendere il titolo di allenatore Campione d’Italia?
nnR:Sono contento della mia scelta, è stata una scelta mirata in un discorsonmolto più ampio che poteva comprendere entrambe le mie attività… coachingnand scouting.

nnD: Partite subito contro due squadroni come Nettuno e Rimini e con qualchenacciacato di troppo, che obiettivo ti prefiggi in queste prime due giornate?
nnR: Le prime giornate sono un po’ interlocutorie, perchè non sai bene il tuonlivello di preparazione rispetto a quello degli “squadroni”, ma speriamo dinportare a casa qualche partita e prepariamoci soprattutto per Caserta.

nnD: Lo stravolgimento del calendario ha sicuramente comportato unanpreparazione atletica diversa, come avete lavorato ? e soprattutto sietengia’ in forma oppure avete previsto di arrivarci piu’ avanti?
nnR: Il nostro inverno è stato molto laborioso, purtroppo il temponmetereologico non ti permette di fare quello che tu vorresti, ma mi sento lancoscienza a posto. Logicamente vorremmo partire bene, ma questo dipendenanche molto dal calendario.

nnD: E’ innegabile che gli oriundi lo scorso anno ti sono serviti a portare ancasa lo scudetto. Quest’anno l’oriudizzazione ha subito un ulteriorencrescita, come valuti questa “moda” dal punto di vista tecnico e di immaginenper il nostro sport?
nnR: Il ritorno agli oriundi ed alle mazze di legno, a mio parere ha portatonil baseball ad essere più bello, più equilibrato e più veloce anche connqualche HR in meno. Gli oriundi adesso sono di moda, ma fra un po’ sinprenderanno sono quelli che faranno la differenza altrimenti non avrebbensenso.

nnD: Secondo te, durante il mercato invernale, chi ha azzeccato l’acquistonpiu’ importante nel campo degli italiani e degli oriundi/stranieri?
nnR: Non mi sembra che siano arrivati nomi alti sonanti come l’anno scorsonquando il Rimini ed il Nettuno presero come oriundi Urbani e Romanoli,nquest’anno staremo a vedere qualche sorpresa tipo Agli dell’anno scorso.

nnD: Tutti sanno del tuo ruolo di talent-scout presso i Mariners endell’accordo tra gli stessi e la Fortitudo, in soldoni quale sarà il tuoncompito presso il settore giovanile della tua nuova società?nnR: Il mio compito in Fortitudo è di responsabile di ogni attività tecnica enquindi anche di supervisione e coordinamento del settore giovanile.

nnD: Amplierai il tuo spettro anche a tutto il movimento bolognese?
nnR: Il mio ruolo con i Mariners è di responsabile Europeo, quindi dopo unninverno in giro per Clinics (Spagna, Repubblica Ceca e Russia)ho unnprogramma di viaggi che mi porteranno a Pamplona per vedere gli EuropeinCadetti, in Olanda per un Torneo a livello Juniores ed alla Haarlem Week innAgosto per la preparazione all’Olimpiade di Sidney.
Il lavoro in Italia ènfatto su segnalazioni dei tecnici e dei dirigenti delle varie squadre entutto sommato quando poi presenzi ai raduni della Nazionale Jrs. vedi più onmeno tutti i più interessanti in quella fascia di età che interessa aglinAmericani. In ogni caso io sono sempre disponibile a “provare” qualsiasingiocatore che pensi di avere delle chance per giocare tra i Pro.
nLe strutture Fortitudo possono essere usate liberamente dai M’s per trynouts, clinics ed altre attività a loro legate.nSettimana scorsa abbiamo avuto in prova 4 giocatori della Rep. Ceca deinquali 2 erano Nazionali.

nnD: La nuova riforma del CONI acconsentira’ l’eleggibilita’ di atleti enallenatori, pensi che questa norma sia positiva per il nostro movimento?
nnR: La riforma CONI spero che darà un po’ più di credibilità al movimentonanche se nella sostanza non credo che un tecnico ed un giocatore all’internondel Consiglio Federale possano avere grande peso.

nnD: Gli azzurri e le azzurre andranno alle Olimpiadi e sarà molto importantenper la visibilità del nostro movimento. Per contro, la domanda interna dinbaseball è un pò scarsina. Secondo te cosa dovrebbero fare la Federazionene le società sportive?
nnR: Secondo me, occorrebbe vendere meglio il nostro prodotto che non è poincosì male. Innanzitutto bisognerebbe formare la Lega, con le Società fortinche possano fare da traino e da lì partire magari con un Manager a temponpieno, cosa che nel Baseball non è mai avvenuta.

nnD: Concludo ringraziandoti e chiedendoti un pronostico: vincitrice dellonscudetto e sorpresa del campionato
nnR: Il Rimini, se avrà nuovamente azzeccato gli oriundi, rivincerà lonscudetto e sulla sorpresa del campionato mi astengo magari pernscaramanzia……

nnPlay-ball !!!

Commenta per primo

Lascia un commento