Baseball.it

Baseball, un gioco da....007!

di Francesco Paolo Falanga
Alla scoperta del misterioso mondo dei segnali
Una smorzata di sacrificio
Una smorzata di sacrificio
© mlb

Uno degli aspetti pi misteriosi ed affascinanti del gioco del baseball quello dei segnali.
Quante volte abbiamo pensato che giocatori ed allenatori fossero impazziti vedendoli fare tutti quei gesti apparentemente senza senso. Non conoscerne per il significato come perdere la principale bellezza del gioco, la strategia.
Spesso il gioco del baseball viene associato a quello degli scacchi, con le sue mosse e contromosse, con il suo continuo cercare di beffare l'avversario, di prevedere le sue mosse in anticipo. E proprio come negli scacchi spesso la strategia che ti fa vincere le partite. Proviamo quindi a svelare alcuni segreti, a scoprire come funzionano questi segnali e quando vengono applicati, in modo tale da rendervi un giorno ancora pi piacevole vedere una partita del meraviglioso gioco del baseball.
I primi segnali furono introdotti da Ned Hanlon, ex giocatore dei Pittsburgh Pirates, che divenne in seguito allenatore dei Baltimore Orioles dal 1893 al 1898. A quel tempo il baseball era giocato in maniera molto semplice, senza particolari tattiche e strategie, per cui l'introduzione dei segnali sconvolse decisamente gli equilibri in campo, tanto che Hanlon fu accusato di praticare un gioco diverso da quello abituale. Tracce dell'introduzione dei segnali le troviamo anche in uno scritto del 1889 di John Montgomery Ward, il cui articolo 'The Stratagem? recita: 'Un lanciatore non dovrebbe essere frettoloso nel lanciare la palla. Nel momento in cui il ricevitore gli ritorna la palla, il lanciatore dovrebbe assumere la posizione e pensare al lancio da effettuare; egli dovrebbe prendersi tutto il tempo che l'arbitro gli conceder. Questo gli permetter di dare e ricevere ogni necessario segnale dal ricevitore......?
Cerchiamo quindi di capire in cosa consistono i segnali ed a cosa servono: i segnali pi importanti sono quelli che il ricevitore comunica al suo lanciatore per la scelta del tipo di lancio da effettuare, scelta basata sulle caratteristiche e debolezze del battitore che si sta affrontando; il ricevitore, accovacciato e con il guantone messo sul ginocchio per evitare di essere spiato, con una mano tra le gambe effettua i seguenti gesti: indice dritto equivale ad una fastball; indice e medio aperti equivale ad una breaking-ball (es. una curva); tre dita aperte equivale ad uno slider; quattro dita aperte equivale ad un change-up; mano aperta equivale ad un pitch-out ed infine pugno chiuso con pollice aperto equivale ad un pick-off.
Naturalmente ogni squadra conosce almeno due set di segnali: nel caso in cui ci si accorga che la squadra avversaria abbia cominciato a decifrare il primo, si utilizzer il secondo. Una particolarit si ha quando un avversario in seconda base: in questo caso l'avversario si trova sulla stessa traiettoria visiva del lanciatore, per cui si rende necessario cambiare i segnali di base con ulteriori gesti per confondere le idee. Il ricevitore ha la possibilit di chiamare i lanci da lui scelti oppure si far tramite dei segnali ricevuti direttamente dall'allenatore (ecco perch spesso i ricevitori sono girati verso la panchina). Provate anche a fare attenzione a dove si posiziona il ricevitore un attimo prima del lancio, capirete in anticipo la direzione della palla.
Il tipo di lancio segnalato si riflette chiaramente su tutta la squadra in difesa, per cui anche gli interni ed esterni, con un loro codice, si comunicheranno la posizione da tenere sul diamante. Le comunicazioni tra gli esterni sono di responsabilit dell'esterno centro, il quale comunica e coordina le posizioni degli altri due esterni dopo aver ricevuto il segnale. Il loro posizionamento pu essere anche stabilito dagli allenatori in panchina attraverso un sistema di segnali chiamato 'numerico?: questo sistema suddivide il campo esterno in cinque settori, 7 = forte spostamento a sinistra (segnalato dall'allenatore con il braccio sinistro alzato); 7,5 = leggero spostamento a sinistra (segnalato con il braccio sinistro alzato ed il destro sul gomito sinistro); 8 = posizionamento normale (segnalato con le due braccia alzate); 8,5 = leggero spostamento a destra (segnalato con il braccio destro alzato ed il sinistro sul gomito destro); 9 = forte spostamento a destra (segnalato con il braccio destro alzato); infine l'allenatore potr comunicare agli esterni di chiudere il buco centrale (gap) compattandosi, in questo caso il segnale sar fatto con le due braccia alzate unendo i palmi delle mani. Dopo aver posizionato gli esterni in linea orizzontale si dovr procedere a segnalare la profondit: 1 = accorciare verso gli interni; 2 = normale; 3 = in profondit (nel caso di Barry Bonds al piatto, per intenderci!). Ricordo che i segnali possono cambiare da squadra a squadra, quelli che stiamo illustrando sono quelli pi comuni che vengono insegnati nei college. Passiamo agli interni: anche loro devono organizzarsi con dei segnali per anticipare le mosse dell'avversario, e l'allenatore comunica il loro posizionamento a volte con segnali curiosi come le corna; ma non preoccupatevi, non vuole offendere nessuno, solo comunicare ai suoi giocatori di stringere sul cuscinetto di seconda base pronti a girare un bel doppio gioco! Il momento pi critico quando la squadra avversaria ha un uomo in prima base: in questo caso gli interni devono prevedere se sar rubata la base, se sar giocato un 'hit and run? oppure se sar battuto un 'bunt?. Il seconda base e l'interbase guardano il segnale e lo verificano segnalandolo l'uno all'altro, decidendo attraverso un loro personale set di segnali (es. bocca aperta o chiusa nascosta dal guantone) chi dovr coprire la seconda base. Penserete che il battitore pu notare i cambi di posizione sul campo e capire che tipo di lancio aspettarsi, ma egli sar troppo impegnato a guardare il lanciatore per notare qualsiasi altra cosa oltre all'arrivo della pallina!
Un esempio pratico lo troviamo nella quinta e decisiva gara degli ultimi Playoffs tra San Francisco ed Atlanta: i Braves hanno un corridore in terza, uno in prima ed un solo eliminato nella parte inferiore del nono inning con Chipper Jones al piatto; l'allora allenatore dei Giants Dusty Baker segnala al prima base J.T. Snow di stringere sul cuscino di prima base; Nen effettua un lancio interno e Jones lo colpisce esattamente dove si trova Snow, il quale pu girare un comodo doppio gioco che elimina Atlanta dalla corsa nei playoffs proiettando i Giants al National League Championship. Un bell'esempio di strategia vincente!
Adesso siete pronti ad apprezzare questo misterioso ma affascinante aspetto del gioco, cominciate quindi a prestare attenzione a questi segnali e proverete la grande soddisfazione di dire:? l'avevo previsto!?

Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

9 dic 2017
Italian Baseball League

Zangheri-Pillisio, la staffetta ora è realtà

6 dic 2017
Mercato

De Wolf, un belga a San Marino

6 dic 2017
Mercato

Rimini ingaggia il pitcher Cerilio Soleana

4 dic 2017
Mercato

Juan Martin è il primo ingaggio della T&A San Marino

2 dic 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno batte un altro colpo: annunciato Colagrossi

2 dic 2017
Italian Baseball League

Potrebbe non essere una categoria in via di restrizione

1 dic 2017
Serie A Federale

Andrea Mazzoni è il nuovo manager della Farma

1 dic 2017
Visto da...

“Non lasciamo morire questo nostro, amato baseball”

30 nov 2017
NCAA

Dall’Italia al Texas: la grande occasione di Matteo Bocchi

29 nov 2017
Italian Baseball League

Fortini: "una squadra forte per l'IBL"

29 nov 2017
Mercato

Pillisio spara i primi due colpi

29 nov 2017
Varie

“Premio Donnabella” a Passarotto e alla memoria di Ambrosioni

28 nov 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno vuole l'IBL e annuncia Paolino Ambrosino

25 nov 2017
BaseballNow

Totoni Sanna: un anno all' "opposizione"

25 nov 2017
Varie

Andrea Marcon, vi racconto il mio primo anno da presidente Fibs

24 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino, perché Mario Chiarini

24 nov 2017
Mercato

Bologna prende l'olandese Lampe

21 nov 2017
Italian Baseball League

Michelini: quale campionato?

20 nov 2017
Italian Baseball League

Pillisio verso la Presidenza del Rimini

17 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino ha scelto Mario Chiarini

17 nov 2017
Major Leagues

Carlos Beltran dice addio al baseball giocato

16 nov 2017
Major Leagues

MLB, Molitor e Lovullo eletti manager dell’anno

15 nov 2017
Major Leagues

A Judge e Bellinger il “Rookie of the Year”

14 nov 2017
Mercato

Anche Sambucci torna a Parma

12 nov 2017
Italian Baseball League

E' stato Nanni a dire basta


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2017 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy