Baseball.it

“Houston, non abbiamo un problema ma finalmente l’anello”

di Andrea Tolla
Solida vittoria in gara-7 delle World Series per gli Astros: stanotte grazie al successo per 5-1 Houston si è aggiudicata il primo titolo della sua storia. George Springer MVP e record: 11 su 29 nel box con 5 fuoricampo e 7 RBI
George Springer festeggiato dal compagno degli Astros Carlos Correa dopo il fuoricampo in gara-7 delle World Series 2017
George Springer festeggiato dal compagno degli Astros Carlos Correa dopo il fuoricampo in gara-7 delle World Series 2017
© Nbcsports.com

Gli Astros rialzano orgogliosamente la testa e, dopo lo scivolone (1-3) in gara-6, si impongono nella sfida decisiva delle World Series con un convincente 5-1 conquistando il primo titolo dal 1962, anno di fondazione della franchigia. Delusione cocente per Los Angeles che manca l'appuntamento con l'anello dal 1988, anno dell'ultima partecipazione al "Fall Classic".
Arrivati al termine della regular season con il miglior record della Major (104 vittorie, 58 sconfitte) e liquidati nei play-off prima i D-Backs (NLDS vinte per 3-0), e poi i Chicago Cubs campioni in carica (NLCS vinte per 4-1), senza mai perdere un solo match in casa, i Dodgers hanno fallito l'ultimo sprint proprio dove erano più forti, nel loro stesso stadio. Così gli Astros, a soli 4 anni da uno dei momenti più bassi della loro storia (chiusero la regular season 2013 con 51 vittorie e 111 sconfitte), riescono a portare a Houston il titolo proprio nell'anno in cui la città è stata martoriata dal passaggio dell'uragano Harvey.
Una serie bellissima, estremamente equilibrata, con due partite (gara2 e 5), terminate agli extra-inning, ed entrambe vinte dai texani che nel corso delle World Series hanno dimostrato maggior tenacia. Non a caso il roster di A.J. Hinch è stato soprannominato "never-say-die" Astros. Con al vittoria della notte scorsa Houston ha vinto la seconda gara7 in queste post-season dopo quella contro gli Yankees dello scorso 21 ottobre (il 4-0 che ha sancito la vittoria nelle ALCS). Impresa, questa, riuscita solo ai Royals del 1985 nella storia di questo sport. Dopo aver fallito l'accesso alle post-season lo scorso anno, gli Astros si impongono per 3-1 nelle ALDS contro i Red Sox, e per 4-3 sugli Yankees nelle ALCS, dopo essere stati sotto per 3-2 nella serie. Nell'ultima partita delle World Series sono stati i rilievi a fare la differenza. Il bullpen, che dopo le prime sei gare aveva una media ERA di 7.29, con Brad Peacock, Francisco Liriano, Chris Devenski e Charlie Morton ha lanciato complessivamente 6.2 inning concedendo appena 1 punto figlio di 2 valide ed 1 base per ball. L'attacco dei Dodgers di contro è andato 1-su-13 con i corridori in posizione punto. Per il partente di Los Angeles Yu Darvish, che in due partite di World Series giocate non è mai arrivato a giocare il terzo inning, la gara si mette subito male. Prima subisce il doppio di Springer e poi, grazie ad in errore Bellinger in prima base, subisce il punto dello 0-1 sulla battuta di Alex Bregman che arriva indisturbato in seconda base. Il texano mette ancora più pressione al lanciatore giapponese rubando la terza base e conquistando il secondo punto del match con su una rimbalzate di Altruve. La propensione a lasciare gli uomini in base per LA si manifesta già dalla parte bassa del primo inning quando Lance McCullers Jr. si vede riempire le basi grazie ad un doppio di Seager ed a due "hit-by-pitch" su Turner e Puig. L'occasione però viene sprecata e la ripresa si conclude senza punti per i padroni di casa.
Al secondo inning una base per ball a McCann ed un doppio di Marwin Gonzalez precedono la rimbalzante di Lance McCullers Jr. (che vale il terzo punto della partita), ed il fuoricampo di George Springer per il parziale 0-5. Springer, premiato come miglior giocatore delle World Series, chiude la serie con un record di 11-su-29 con 3 doppi, 5 fuoricampo e 7 punti battuti a casa. E' il terzo giocatore nella storia delle "Fall Classic" a realizzare 5 homerun in una serie finale dopo Reggie Jackson nel 1977 (Yankees), e Chase Utley, nel 2009 (allora a Philadelphia, adesso nel roster dei Dodgers). Inoltre il 28enne esterno, ha messo in fila il record di "extra-base" (8), di basi totali conquistate (29) e quello di fuoricampo in gare consecutive (4) di World Series. La partita di Yu Darvish termina con il fuoricampo subito, rilevato da Clayton Kershaw, mentre quella di McCullers prosegue nonostante nella parte bassa del secondo conceda ancora un singolo a Forsythe ed un "hit-by-pitch" su Hernandez. Stavolta è la difesa di Houston a correre in aiuto al suo lanciatore, e con un doppio gioco sull'asse Correa-Altruve chiude la ripresa senza danni.
Anche la parte bassa del quarto inning si apre con un singolo (Seager), ed un battitore colpito (Turner, il quarto in tre riprese), ma, complice anche il cambio sul monte tra McCullers e Peacock, ancora una volta Los Angeles non ne approfitta. Al quinto inning Peacock riempie prima e seconda base grazie ad una base per ball su Seager ed un singolo concesso a Turner e viene rilevato da Liriano. Un doppio gioco innescato dalla battuta di Bellinger porta Seager in terza ma in situazione di 2 out ed Hinch decide di sostituire ancora il lanciatore con Devenski che rileva Liriano. La scelta si rivela vincente con lo score dei Dodgers che resta fermo a zero. Al sesto inning, con Morton sul monte di lancio per gli Astros, arriva il primo ed unico punto di Los Angeles. Il singolo di Andre Ethier, che segue quello di Pederson e la base per ball concessa a Forsythe, riaccende le speranze degli oltre 54mila presenti, che però ancora una volta vedranno chiudere la ripresa con un corridore lasciato in seconda base. Da quel momento non accadrà più nulla e la partita resterà saldamente in mano delle difese che non concederanno più nulla agli avversari e così, dopo 3 ore e 37 minuti di gioco, gli Astros possono festeggiare il loro primo anello, arrivato al secondo tentativo dopo quello, fallito, del 2005 quando, da fresca vincitrice della National League, perse per 4-0 le World Series contro i Chicago White Sox.
Con la vittoria degli Astros sono 5 le squadre MLB a non aver mai vinto il titolo. I Tampa Bay Rays (che vantano un tentativo nel 2008 perso 1-4 contro i Phillies), i Colorado Rockies (World Series del 2007 perse 0-4 contro i Red Sox), i Milwaukee Brewers (ed ex Seattle Pilots, che vantano un tentativo nel 1982 fallito perdendo 4-3 contro i Cardinals), i Seattle Mariners ed i Washinton Nationals (ex Montreal Expos). Queste ultime due non sono mai neanche approdati alle World Series.

 

Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

23 giu 2018
Serie A1

Doppio di Mercuri e due errori: vince il Città di Nettuno

23 giu 2018
Serie A1

Per Rimini terzo inning fatale contro il ParmaClima

22 giu 2018
Serie A2

Il derby lombardo Bollate-Senago infiamma la prima di ritorno in A2

22 giu 2018
Serie A1

Per l'Unipolsai doppia partita a Sesto Fiorentino

21 giu 2018
Playball

Un fine settimana per palati fini con un gustoso derby Parma-Rimini

21 giu 2018
Serie A1

Parma-Rimini? Un big-match dove gli episodi risulteranno decisivi

21 giu 2018
Serie A1

Dal Titano al Tirreno, i numeri della sfida S. Marino-Nettuno

19 giu 2018
Baseball e TV

L’analisi dopo il "giro di boa” al Bar del Baseball - Extrainning

18 giu 2018
Serie A2

Le big di serie A2 fanno la voce grossa anche nell'ultima di Intergirone

17 giu 2018
Campionato Olandese

“Mister Kordemans”: con 1949 strike-out è il nuovo re d’Olanda

17 giu 2018
Punto e a capo

Bologna e Rimini continuano a volare, dietro è lotta a tre per i play off

17 giu 2018
Serie A1

Nettuno si prende la rivincita sul ParmaClima

17 giu 2018
Serie A1

T&A, doppietta per ripartire

17 giu 2018
Serie A1

Rimini di prepotenza

17 giu 2018
Serie A1

Ancora un bis per l'Unipolsai

16 giu 2018
Serie A1

Hernandez, sregolatezza e genio

16 giu 2018
Serie A1

Casanova-Lupo accoppiata vincente

16 giu 2018
NCAA

College World Series, la prima volta di Bocchi

16 giu 2018
Serie A1

UnipolSai bene a Padova

15 giu 2018
Major Leagues

Gli Houston Astros alla conquista del West…

15 giu 2018
Serie A2

Il Maremà Grosseto vuole dare un calcio alla crisi con Collecchio

15 giu 2018
Serie A1

T&A, dimenticare la retrocessione in Coppa

14 giu 2018
Serie A1

Il Rimini riparte dal campo del City

14 giu 2018
Serie A1

Unipolsai attenta all ex: Alex Russo

14 giu 2018
Playball

Alessandro Lucarelli apre la sfida playoff Parma Clima-Città di Nettuno


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2018 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy