Baseball.it

Houston raggiunge Los Angeles alle World Series

di Andrea Tolla
Parte martedì notte la sfida per la 113esima edizione delle finali del baseball USA. Fattore campo a favore dei Dodgers. Per la quinta volta si affrontano due squadre con più di 100 vittorie. Kershaw e Keuchel partenti in gara-1
Gurriel festeggiato da Altuve dopo aver segnato in gara-7 delle American League Championship Series contro i New York Yankees
Gurriel festeggiato da Altuve dopo aver segnato in gara-7 delle American League Championship Series contro i New York Yankees
© Berkshireeagle.com (David J. Phillip - The Associated Press)

Martedì notte il baseball americano vivrà il suo momento più alto con l'inizio della 113esima edizione delle World Series, le prime nella storia della MLB che avranno un "presenting" sponsor (YouTube.Tv). La novità più importante è rappresentata comunque dal nuovo il criterio di assegnazione del vantaggio casalingo: la serie, al meglio delle 7 gare, inizierà per la prima volta in casa della franchigia con il miglior record casalingo in regular season. Dal 1903 al 2002 infatti, il vantaggio casalingo era alternato tra le franchigie di American e di National League. Successivamente, e fino alla scorsa stagione, per evitare che l'All Star Game perdesse di "mordente", il vantaggio casalingo veniva assegnata alla Lega vincente della "Mid-summer Classic". Adesso dunque toccherà a Los Angeles ospitare le prime due partite, più le eventuali gare 6 e 7, qualora si rendessero necessarie, mentre i tre match centrali (gara3, 4 e 5), avranno Houston come cornice. Questo in virtù delle 104 vittorie in regular season ottenute dai Dodgers contro le 101 in cascina degli Astros. E' la settima volta nella storia delle World Series che entrambe le franchigie protagoniste della finalissima hanno ottenuto più di 100 vittorie durante la stagione regolare. L'ultima risale al 1970, quando si affrontarono i Cincinnati Reds (102) e i Baltimore Orioles (108). Anche allora il vantaggio del campo era in capo alla franchigia del "Senior Circuit", ma ad avere la meglio fu la squadra con il miglior record stagionale, gli O's di Brooke Robinson, che venne nominato MVP.
I Dodgers arrivano a quest'appuntamento dopo aver agevolmente avuto la meglio nelle finali di National League sui campioni uscenti dei Chicago Cubs (4-1 la serie), mentre sicuramente più complesso l'approdo alle World Series degli Astros che avanti di 2-0 nella serie dopo le prime due gare al Minute Maid Park si sono visti sorpassare dagli Yankees che hanno vinto le successive 3 partite in programma a New York, per poi chiudere i conti nelle ultime due partite giocate ancora in Texas. In gara6 un sontuoso Justin Verlander, lanciatore partente nominato poi MVP della American League Championship Series, ha lanciato 7 inning concedendo appena 5 valide ed 1 base per ball con 8 eliminazioni al piatto all'attivo (7-1 il finale), mentre in gara7 c'è stato addirittura lo "shutout" del monte di lancio di Houston con Charlie Morton e Lance McCullers Jr. che in tutto il match concedono appena 3 valide e 2 basi per ball con 11 eliminazioni al piatto. I fuoricampo di Gattis ed Altruve contribuiscono a realizzare 3 dei 4 punti complessivi con cui Houston vince la American League per la prima volta dal 2013, anno nel quale la franchigia si trasferì dalla Central Division di National League alla West Division della American.
Solo 4 anni or sono Houston chiudeva la regular season con 111 sconfitte e ora dopo aver festeggiato la conquista del "pennant" con una serie nella quale tutte le partite sono state vinte dalle squadre di casa (solo 5 precedenti nella storia), può sognare di vincere il primo anello dal 1962 (anno di fondazione della franchigia). Entrambe arrivano a questo appuntamento senza sconfitte interne in gare di post-season. I Dodgers sono in un momento di forma strepitoso: in ottobre LA ha un record di 8-1, di cui 7 vittorie ed 1 sconfitta arrivate in gare di post-season (3-0 contro i Diamondbacks e 4-1 contro i Cubs), mentre gli Astros ad ottobre sono 8-4, di cui 7 vittorie e 4 sconfitte in questi play-off (3-1 contro i Red Sox e 4-3 contro gli Yankees). Houston è alla seconda partecipazione alle World Series dopo quella del 2005, raggiunta come vincitrice della National League e persa contro i Chicago White Sox (0-4). Per i Dodgers si tratta invece della 18esima finalissima, la decima da quando la franchigia è approdata a Los Angeles (1958). Complessivamente i Dodgers hanno vinto 6 World Series, di cui 5 dal trasferimento in California. Ultima apparizione in una finale prima di quella di questa stagione risale al 1988, con il titolo vinto con un complessivo 4-1 contro Oakland. Si tratta della prima sfida tra queste due squadre in una WS, ma non la prima assoluta in gare di post-season. Nel 1980 arrivarono appaiate al termine della Regular Season nella West Division di NL e furono costrette allo spareggio che terminò 1-7 per gli Astros al Dodgers Stadium con il partente texano Joe Niekro autore di un "complete game". L'anno successivo le due franchigie si trovarono di fronte nelle NL Division Series con gli Astros che vinse le prime due partite a Houston (3-1 e 1-0 all'11esimo inning), e poi crollarono in California con 3 sconfitte consecutive (6-1, 2-1, 4-0). In gara1 i lanciatori partenti saranno Clayton Kershaw per i padroni di casa e Dallas Keuchel per gli ospiti. Entrambi Cy Young Award delle rispettive leghe (2011, 2013 e 2014 per il partente di LA, 2015 per quello di Houston), si presentano a questa sfida con 3 partite di post-season giocate a testa nelle quali hanno lancioato lo stesso numero di inning (17.1). Per Kershaw il record è 2-0 con 3.63 di media PGL e 16 eliminazioni al piatto, mentre per Keuchel 2-1 con 2.60 di media PGL e 25 strike-out.
Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

24 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino, perché Mario Chiarini

24 nov 2017
Mercato

Bologna prende l'olandese Lampe

21 nov 2017
Italian Baseball League

Michelini: quale campionato?

20 nov 2017
Italian Baseball League

Pillisio verso la Presidenza del Rimini

17 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino ha scelto Mario Chiarini

17 nov 2017
Major Leagues

Carlos Beltran dice addio al baseball giocato

16 nov 2017
Major Leagues

MLB, Molitor e Lovullo eletti manager dell’anno

15 nov 2017
Major Leagues

A Judge e Bellinger il “Rookie of the Year”

14 nov 2017
Mercato

Anche Sambucci torna a Parma

12 nov 2017
Italian Baseball League

E' stato Nanni a dire basta

10 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino-Nanni, è già finita

10 nov 2017
Major Leagues

I bomber della Major, ecco i Silver Slugger 2017

10 nov 2017
Varie

Spring-training all’italiana: parte la “Pizza League”

9 nov 2017
Mercato

Ricardo Paolini al Parma

8 nov 2017
Major Leagues

Addio Roy: il mondo del baseball piange Halladay

4 nov 2017
Mercato

Torna a casa Poma

2 nov 2017
Major Leagues

“Houston, non abbiamo un problema ma finalmente l’anello”

30 ott 2017
Major Leagues

Una folle gara-5 porta gli Astros a un passo dal trionfo

27 ott 2017
Major Leagues

Goodbye New York: Girardi lascia gli Yankees

26 ott 2017
Major Leagues

Incredibili Astros, 11 riprese per mettere ko i Dodgers

26 ott 2017
Baseball.it Awards

"Baseball.it Awards 2017", la corsa continua...

25 ott 2017
Major Leagues

World Series roventi, ai Dodgers la prima sfida

22 ott 2017
European Baseball Series

L'Italia non concede il "tris"  

21 ott 2017
European Baseball Series

Bis azzurro nelle European Series

21 ott 2017
European Baseball Series

Olanda battuta, la “giovane Italia” di Gerali brilla a Verona


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2017 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy