Baseball.it

Impresa Yankees che volano alle Championship Series

di Andrea Tolla
New York rimonta lo 0-2 nella serie contro i quotati Indians ed espugna Cleveland per 5-2 nell’ultima sfida. I Nationals sbancano Chicago e tornano a Washington per un’altra emozionante gara-5. Farrell licenziato dai Red Sox
Didi Gregorius autore di un fuoricampo in gara-5 contro i Cleveland Indians
Didi Gregorius autore di un fuoricampo in gara-5 contro i Cleveland Indians
© Northjersey.com

Solo pochi giorni fa, al termine di gara2 giocata a Cleveland e vinta dagli Indians 9-8 al tredicesimo inning, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sugli Yankees. La squadra con il maggior numero di vittorie della American League (102), che non perdeva 3 partite consecutive dall'estate (30 luglio-1 agosto), che ha chiuso l'ultimo mese di Regular Season con 4 sconfitte e 25 vittorie, si trovava nella vantaggiosa condizione di essere avanti 2-0 contro la franchigia arrivata dalla Wild Card. Lo stesso Girardi ha ammesso in conferenza stampa che dopo la seconda sconfitta a Cleveland era parecchio giù di umore, eppure lui ed i suoi ragazzi si sono messi al lavoro giocando un baseball pressoché perfetto, sono riusciti a mantenere imbattuto lo Yankees Stadium riportando in equilibrio la serie ed infine, con la magia della notte appena trascorsa, hanno espugnato il Progressive Field, lasciando di sasso gli oltre 37mila presenti e diventando la decima squadra a vincere un turno di post-season al meglio delle 5 gare dopo aver perso le prime due partite. Il parziale delle ultime tre partite è inesorabile: 13-5 per New York. Un monte di lancio incredibilmente funzionale ha consentito a Cleveland di battere appena .152 negli ultimi 27 inning giocati. La chiave della rimonta degli Yankees è principalmente lì. Ed anche in questa ultima partita, mentre C.C. Sabathia, partente degli Yankees, prima di vedersi colpire da una valida si gode 3 inning senza concedere nulla (Lindor realizza un singolo senza conseguenze in apertura della quarta ripresa), Corey Kluber si vede abbattuto da due fuoricampo entrambi realizzati da Didi Gregorius. Al primo inning da un punto, ed al terzo da due punti (Garner aveva realizzato un singolo poco prima). Nella quinta ripresa però il partente degli Yankees va in sofferenza e, dopo eliminato al piatto Santana, subisce quattro singoli consecutivi (Jackson-Bruce-Perez-Urshela), che portano i padroni di casa sul 2-3 con un corridore in seconda base. Girardi non ci pensa troppo e lo rileva con David Robertson, che poi sarà il vincitore del match, che chiude la sua partita concedendo appena 1 base per ball (2.2 inning lanciati, 2 strike-out). All'ottavo inning subentrerà Aroldis Champan (2.0 inning lanciati, 1 base per ball, 0 valide e 4 strike-out), guadagnerà la sua seconda salvezza in ALDS, consegnando alla sua squadra le Championship Series, dove ad attenderli ci sono gli Houston Astros. Noin altrettanto bene il closer degli Indians Cody Allen che, subentrato Brian Shaw nel corso dell'ottava ripresa (7.2), dopo aver eliminato al piatto Bird (fine ottavo), e Castro (inizio nono), ha subito il singolo di Hicks ed ha concesso una base per ball a Frazier prima di concedere un singolo da due punti a Brett Gardner che spazza le residue speranze dei "Tribe" fissando il match sul 2-5.
Uno straordinario Stephen Strasburg aumenta il gelo che già attanaglia Chicago e lascia a secco le mazze dei Cubs, regalando ai Nationals la possibilità di giocarsi gara5 a Washington. Le intemperanze metereologiche che impongono il rinvio del match previsto originariamente per martedì, regalano a Dusty Baker la possibilità di schierare il 29enne partente californiano 5 giorni dopo gara1 al posto di Roark e la scelta si rivelerà vincente visto che Strasburg, che nella sfida precedente aveva lasciato l'attacco di Chicago a secco per 5.2 inning, ha riscattato la sconfitta rimediata al Nationals Park con l'ennesima prestazione superba: in 7.0 inning lanciati concede appena 3 valide e 2 basi per ball a fronte di 12 strike-out. Un errore dell'interbase Addison Russell su una battuta velenosa di Ryan Zimmerman concede a Turner, autore di un doppio, di spezzare gli equilibri nel corso del terzo inning, sporcando così una prestazione di Arrieta tutto sommato positiva. Il futuro free-agent non giocava dallo scorso 26 settembre per un piccolo infortunio e nei 4.0 inning lanciati ha concesso due valide e 5 basi per ball con 4 strike-out all'attivo. Ad inizio quinta ripresa Arrieta verrà rilevato da Lester, che non scendeva in campo da rilevo dalle World Series dello scorso anno, che eliminerà senza patemi i 9 battitori avversari fino all'ottavo inning quando riempirà le basi concedendo un singolo a Murphy e due basi per ball a Rendon e Wieters. Wade Davis rileva Lester ma viene colpito immediatamente dal "grand slam" di Micheal A. Taylor che sbatte la palla fuori dal diamante per definitivo 0-5, uccidendo le residue speranze degli oltre 42mila spettatori che erano giunti al Wrigley Field nonostante il vento gelido che soffiava dal Lago Michigan. Stanotte è prevista una entusiasmante gara5 a Washington con Baker che non ha ancora sciolto le riserve sul lanciatore partente: il ballottaggio sembra essere tra Tanner Roark, che doveva partire in gara4, e Gio Gonzalez, partente di gara2, ma non si esclude la possibilità di rivedere in campo Max Scherzer, partente di gara3. Per i Cubs dovrebbe partire Kyke Hendricks, vincitore di gara1 e protagonista di ottime performance in gare di post-season (2-1, 1.98 media ERA e 36 strike-out in 41.0 inning lanciati). Il 27enne lanciatore dei Cubs è stato utilizzato nelle due partite decisive contro i Dodgers (gara6 delle scorse National League Championship Series), e contro gli Indians (gara7 delle scorse World Series). Per i Nationals si tratta della seconda Division Series che termina a gara5 sulle 3 disputate dal 2012. La prima venne persa 7-9 con quattro punti subiti al nono inning contro St.Louis e la seconda lo scorso anno per 3-4 contro i Dodgers. Finora i Nationals non sono mai arrivati a disputare le Championship Series da quando la franchigia è approdata a Washington (2005), mentre i Cubs sono alla ricerca della terza partecipazione consecutiva (2015 serie persa 0-4 contro i Mets, 2016 serie vinta 4-2 contro i Dodgers).
Nel frattempo continuano a saltare le "panchine" nella MLB. Dopo l'addio di Terry Collins alla guida dei Mets, è il turno di John Farrell che viene sollevato dall'incarico di manger dei Red Sox. Il 55enne ex manager dei Toronto Blue Jays (2011-2012), era alla guida della franchigia di Boston dal 2013, anno nel quale vinse il suo primo anello da manager (l'altro, da pitching coach, lo aveva vinto sempre con i BoSox nel 2007). In 5 anni da manager degli "Old Towne Team", Farrell ha messo insieme 432 vittorie e 378 sconfitte (.533) in gare di Regular Season, il sesto miglior risultato nella storia dei manager della franchigia, oltre a 11 vittorie e 10 sconfitte (.524) in gare di post-season, portando Boston a vincere 3 pennant di East Division (2013, 2016, 2017) ed uno di American League (2013), oltre all'anello del 2013. Le due vittorie consecutive nella East rappresentano un record assoluto per la franchigia, ma non è stato sufficiente a scongiurare il licenziamento voluto direttamente dal GM Dave Dombrowski.

 

Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

14 dic 2017
Mercato

Il "caso Sabbatani"

14 dic 2017
Italian Baseball League

"Peppe" Natale per l'UnipolSai

12 dic 2017
Varie

Addio a Everardo Dalla Noce, fu Presidente FIBS nel 2001

12 dic 2017
Baseball.it Awards

"Baseball.it Awards 2017", Bologna e Novara al top

9 dic 2017
Italian Baseball League

Zangheri-Pillisio, la staffetta ora è realtà

6 dic 2017
Mercato

De Wolf, un belga a San Marino

6 dic 2017
Mercato

Rimini ingaggia il pitcher Cerilio Soleana

4 dic 2017
Mercato

Juan Martin è il primo ingaggio della T&A San Marino

2 dic 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno batte un altro colpo: annunciato Colagrossi

2 dic 2017
Italian Baseball League

Potrebbe non essere una categoria in via di restrizione

1 dic 2017
Serie A Federale

Andrea Mazzoni è il nuovo manager della Farma

1 dic 2017
Visto da...

“Non lasciamo morire questo nostro, amato baseball”

30 nov 2017
NCAA

Dall’Italia al Texas: la grande occasione di Matteo Bocchi

29 nov 2017
Italian Baseball League

Fortini: "una squadra forte per l'IBL"

29 nov 2017
Mercato

Pillisio spara i primi due colpi

29 nov 2017
Varie

“Premio Donnabella” a Passarotto e alla memoria di Ambrosioni

28 nov 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno vuole l'IBL e annuncia Paolino Ambrosino

25 nov 2017
BaseballNow

Totoni Sanna: un anno all' "opposizione"

25 nov 2017
Varie

Andrea Marcon, vi racconto il mio primo anno da presidente Fibs

24 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino, perché Mario Chiarini

24 nov 2017
Mercato

Bologna prende l'olandese Lampe

21 nov 2017
Italian Baseball League

Michelini: quale campionato?

20 nov 2017
Italian Baseball League

Pillisio verso la Presidenza del Rimini

17 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino ha scelto Mario Chiarini

17 nov 2017
Major Leagues

Carlos Beltran dice addio al baseball giocato


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2017 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy