Baseball.it

“La mia ricetta per il baseball italiano”

di Ruggero Bagialemani
Un’idea per ridare speranza e futuro ai nostri campionati: 4 gironi da 6-8 squadre, 3/4 stranieri per squadra ma 2 in campo per ogni partita. Nord-ovest, Nord-est, Centro-Nord e Centro, aspettando il Sud. E una nazionale di vera scuola italiana
Il Rimini 86 festeggia al termine di un incontro
Il Rimini 86 festeggia al termine di un incontro
© Rimini 86

Sento molto parlare e discutere, negli ultimi tempi, di riforme e nuove idee per i campionati di baseball prossimi venturi. Personalmente ritengo che siamo arrivati ad un punto di non ritorno e bisogna fare qualcosa di importante, che entri nella testa di ciascuno e possa essere condiviso, qualcosa che resti nel tempo senza cercare di tappare i buchi solo per la stagione in corso o quella successiva e poi quello che succede succede...
Ptremetto che ciò che vorrei portare all'attenzione di tutti è un'idea personale frutto di una vita passata sui campi di tutto il mondo e di chi ha davvero nel cuore il baseball italiano. Farei di tutto per dare una svolta definitiva e contribuire ad un progetto che vada avanti negli anni e garantisca ai nostri giovani un futuro più roseo. E soprattutto una garanzia di poter vedere più Italiani possibili sui nostri diamanti, giocando di più e cercando di arrivare (badate bene) non a Tokyo fra 3 anni ma a Los Angeles fra 11. In quella città dove tutto iniziò nel 1984 con una squadra forte e composta da tutti giocatori Italiani, di vera scuola Italiana. Non voglio logicamente tralascire la possibilità di qualificarci anche alle Olimpiadi di Parigi tra 7 anni, cioè nel 2024. Per quelle più imminenti, a Tokyo, non penso avremo molte chance a meno dell'apporto di oriundi in occasione de gli Europei che valgono la qualificazione.
Tornando ai campionati, dividerei l'Italia in 4 - aspettando che il Sud sia in grado di sfornare giocatori e squadre - in questo modo: 4 gironi da 6-8 squadre con 3/4 stranieri per squadra ma solo 2 in campo per ogni partita. Centro Nord, Nord-Ovest, Nord-Est e Centro, prediligendo la distanza territoriale con orari da stabilire tra le società. 4- 5 partite settimanali, quelle con distanza tra 200 e 300 km. al massimo nel fine settimana. Chiamandola Regular Season, con partenza fine marzo/prima settimana di aprile e termine a Luglio: quindi 60-80 partite a seconda del numero delle squadre per girone.
I play-off inizierebbero la prima settimana di agosto con un round-robin a 8 squadre (andata e ritorno) con gare infrasettimanali a seconda della classifica e delle distanze da percorrere. Le prime 4 disputano semifinale e finale al meglio delle 7 partite giocando Venerdì, Sabato, Lunedi, Martedi, Mercoledi, Venerdi e Sabato.
Le squadre non qualificate ai play-off avrebbero comunque disputato 60-80 partite, fatto esperienza e risparmiato migliaia di euro, considerando che non ci sono notti da passare in hotel. Inoltre si potrebbe pensare anche ad una nuova formula per la Coppa Italia arrivando ad un torneo ad 8 squadre che comprende le prime 4 classificate e le altre 4 che usciranno dalle qualificazioni tra le escluse ai playoff, permettendo anche a chi vince lo scudetto di poter conquistare anche la Coppa Italia (ciò che oggi non succede).
Logicamente via la IBL, ci sarebbe solo la Serie A, poi la B e la serie C. ogni anno retrocederebbero una per girone e salirebbero le squadre che dalla serie inferiori vinceranno i rispettivi campionati. Cosi facendo avremo più squadre, più atleti (perché avrebbero la possibilità di giocare e giocare di più e nel giro di 4-5 anni torneremo ad essere la nazione più forte d'Europa con tutti Italiani). E a tendere, ci tengo a sottolineare, che con così tante partite (circa 120 tra regular season e playoff) saremmo uno dei primi cinque campionati più importanti al mondo. Facile comprendere quindi in prospettiva l'attrattività per sponsor e grandi campioni per l'Italia.
Lo stesso discorso si può applicare al settore giovanile: giocare tanto, divertirsi molto e portare altri amici sul diamante, perchè giocando tanto aumentano gli stimoli nei ragazzi a fare meglio, crescendo con la giusta mentalità e con la giusta dose di competizione. Sempre per vincere, nel baseball non si pareggia mai.
Questo è quello che pensa Ruggero Bagialemani. Un sogno? Forse. Comunque è l'unica strada da percorrere a mio avviso altrimenti tra qualche anno, finiti i soldi anche a Bologna, Rimini e qualche altra squadra, cesseremo proprio del tutto. Invece, serve una svolta così torneremo sui quotidiani nazionali presentando un massimo campionato a 24 o 32 squadre coinvolgendo le grandi città che tornerebbero (non avendo spese folli) senza problemi, in più verrebbero meno anche i noiosi allenamenti settimanali.
Mi sono dilungato, ma ho ritenuto giusto dare la mia impressione visto il momento che stiamo attraversando dove la squadra Campione d'Italia non viene citata da nessuno dei 3 quotidiani sportivi nazionali più importanti.

P.S. Logicamente non è una cosa da attuare domani, per vedere i risultati ed assimilare tutto ci vorrà qualche anno, perchè i giocatori si fanno col tempo e non dopo una partita o una buona stagione.

 

Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

  1. 1Massimo T.Scritto il 2 ago 2017 (13:22)

    Sono 40 anni che sento che bisogna giocare di più ma nessuno si inventa niente per farlo. Giocare 4-5 partite alla settimana da 9 inning è una follia non siamo la MLB ci vuole una struttura professionale e una dozzina di lanciatori a roster che non abbiamo. Dobbiamo trovare lo spazio e il tempo per far giocare i nostri giovani durante la stagione regolare della Massima Serie in base alle nostre poche possibilità, la mia proposta e di giocare due partite durante la settimana di 6 riprese che sono alla nostra portata tecnica. La soluzione è alquanto ortodossa ma si può sperimentare.

12 dic 2017
Varie

Addio a Everardo Dalla Noce, fu Presidente FIBS nel 2001

12 dic 2017
Baseball.it Awards

"Baseball.it Awards 2017”, Rimini e Bologna al top

9 dic 2017
Italian Baseball League

Zangheri-Pillisio, la staffetta ora è realtà

6 dic 2017
Mercato

De Wolf, un belga a San Marino

6 dic 2017
Mercato

Rimini ingaggia il pitcher Cerilio Soleana

4 dic 2017
Mercato

Juan Martin è il primo ingaggio della T&A San Marino

2 dic 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno batte un altro colpo: annunciato Colagrossi

2 dic 2017
Italian Baseball League

Potrebbe non essere una categoria in via di restrizione

1 dic 2017
Serie A Federale

Andrea Mazzoni è il nuovo manager della Farma

1 dic 2017
Visto da...

“Non lasciamo morire questo nostro, amato baseball”

30 nov 2017
NCAA

Dall’Italia al Texas: la grande occasione di Matteo Bocchi

29 nov 2017
Italian Baseball League

Fortini: "una squadra forte per l'IBL"

29 nov 2017
Mercato

Pillisio spara i primi due colpi

29 nov 2017
Varie

“Premio Donnabella” a Passarotto e alla memoria di Ambrosioni

28 nov 2017
Italian Baseball League

Il Città di Nettuno vuole l'IBL e annuncia Paolino Ambrosino

25 nov 2017
BaseballNow

Totoni Sanna: un anno all' "opposizione"

25 nov 2017
Varie

Andrea Marcon, vi racconto il mio primo anno da presidente Fibs

24 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino, perché Mario Chiarini

24 nov 2017
Mercato

Bologna prende l'olandese Lampe

21 nov 2017
Italian Baseball League

Michelini: quale campionato?

20 nov 2017
Italian Baseball League

Pillisio verso la Presidenza del Rimini

17 nov 2017
Italian Baseball League

San Marino ha scelto Mario Chiarini

17 nov 2017
Major Leagues

Carlos Beltran dice addio al baseball giocato

16 nov 2017
Major Leagues

MLB, Molitor e Lovullo eletti manager dell’anno

15 nov 2017
Major Leagues

A Judge e Bellinger il “Rookie of the Year”


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2017 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy