Baseball.it

La regola del tie-break: più difetti che pregi

di Carlo Ravegnani
Introdotto per accorciare i tempi delle partite, non ha fatto breccia tra addetti ai lavori e appassionati. E penalizza l'aspetto tecnico
Desimoni deluso, l'L&D festeggia: l'European Cup 2016 si decise al tie-break (foto Diego Gasperoni)
Desimoni deluso, l'L&D festeggia: l'European Cup 2016 si decise al tie-break (foto Diego Gasperoni)
© Diego Gasperoni

Il tie-break è per definizione una forma abbreviata del gioco che di fatto riduce i tempi per stabilire un vincitore. Il tie-break per antonomasia viene affiancato al tennis, spesso e volentieri atteso dagli appassionati, sia presenti sul campo, sia quelli davanti al video. Ma non per questo deve per forza vincente in altri sport. Era stato introdotto anche nel volley nell'era del cambio-palla poi soppiantato con l'avvento del rally point system. E da qualche anno è stato introdotto anche nel baseball, ecco, un esempio dove non ha riscosso assolutamente consensi. Pro e contro si dice in questi casi.
L'arrivo del tie-break nel nostro batti e corri è stato giustificato con il fatto di ridurre i tempi di una partita, per consentire agli appassionati di vedere la conclusione del match e non dover lasciare le tribune a notte fonda e anche per permettere ai giornali di avere il risultato a un'ora decente e alle tv di giustificare un prodotto che abbia tempi più o meno definiti. Allora, una partita di baseball ormai difficilmente resta sotto il muro delle tre ore, solo in sparuti casi si giocano due gare lo stesso giorno, quindi non c'è il rischio di dover cominciare la seconda partita fuori orario; i tifosi, quelli veri, restano sulle tribune fino al saluto finale delle due squadre in mezzo al campo; i giornali non mettono mai un risultato in diretta e la tv, beh la tv nel baseball è ormai un lontanissimo ricordo, basta pensare alle ultime finali scudetto praticamente oscurate.
E poi c'è un ben più importante discorso tecnico. Il tie-break svilisce tutto il concetto basilare del gioco del baseball, la conquista della base, quell'arrivo sui cuscini che rappresenta il primissimo traguardo quando un bambino si affaccia al campo mazza in mano. Gli extrainning ci hanno regalato negli anni emozioni particolari, ora alla decima ripresa due giocatori si piazzano in base, il coach toglie dalla partita il primo battitore ordinando un bunt, il lanciatore toglie dalla partita il successivo battitore con la base intenzionale, poi tutto viene lasciato al caso e si obbliga il pitcher a salvare un inning e di conseguenza una partita, mentre fino a quel momento è rimasto in balìa degli eventi.
Il tie-break poteva anche avere un senso nell'era delle tre partite, ma quest'anno, con il discutibile ritorno alle due gare settimanali, era da abolire. Arrivano gli extra? Bene, c'è più spazio per i pitcher italiani, magari giovani, gettati nella mischia quando la partita è ancora calda, non quando è in arrivo la manifesta.
Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

  1. 1NicolaScritto il 27 mag 2017 (16:00)

    dopo la pessima regola del tie-break, che come riportato da Ravegnani va a svilire il gioco,la proposta del sig. Marpin mi sembra anche peggio, perchè il fatto di lasciare troppi uomini in base, senza concretizare dei punti è secondo me un disvalore e non un merito . forse si potrebbe semplicemente risolvere la questione iniziando prima le partite e giocando eventuali extrainning. Il gioco è questo, altrimenti perchè no, i dadi ?

  2. 2marpinScritto il 17 mag 2017 (18:16)

    per evitare gli extra inning si potrebbero valorizzare ai fini del risultato i LOB. Chi ha avuto più LOB vince la partita.

17 giu 2018
Campionato Olandese

“Mister Kordemans”: con 1949 strike-out è il nuovo re d’Olanda

17 giu 2018
Punto e a capo

Bologna e Rimini continuano a volare, dietro è lotta a tre per i play off

17 giu 2018
Serie A1

Nettuno si prende la rivincita sul ParmaClima

17 giu 2018
Serie A1

T&A, doppietta per ripartire

17 giu 2018
Serie A1

Rimini di prepotenza

17 giu 2018
Serie A1

Ancora un bis per l'Unipolsai

16 giu 2018
Serie A1

Hernandez, sregolatezza e genio

16 giu 2018
Serie A1

Casanova-Lupo accoppiata vincente

16 giu 2018
NCAA

College World Series, la prima volta di Bocchi

16 giu 2018
Serie A1

UnipolSai bene a Padova

15 giu 2018
Major Leagues

Gli Houston Astros alla conquista del West…

15 giu 2018
Serie A2

Il Maremà Grosseto vuole dare un calcio alla crisi con Collecchio

15 giu 2018
Serie A1

T&A, dimenticare la retrocessione in Coppa

14 giu 2018
Serie A1

Il Rimini riparte dal campo del City

14 giu 2018
Serie A1

Unipolsai attenta all ex: Alex Russo

14 giu 2018
Playball

Alessandro Lucarelli apre la sfida playoff Parma Clima-Città di Nettuno

13 giu 2018
NCAA

Un grande Bocchi guida Texas alle College World Series

13 giu 2018
Nazionale

La sperimentale di Gerali vince 9 a 1 a Padova

12 giu 2018
Nazionale

A Padova cresce l’attesa per l’amichevole di lusso con l’Italia

11 giu 2018
BaseballNow

L'incredibile T&A, lo Stachanov del Borgerhout, la mazza sbagliata

10 giu 2018
Coppa Campioni

Rimini, che... mazzata in Coppa

10 giu 2018
Serie A2

Nove vittorie per il girone C nella quinta giornata di Intergirone

10 giu 2018
Coppa Campioni

L'Unipolsai è di bronzo

10 giu 2018
Coppa Campioni

T&A, clamorosa retrocessione

10 giu 2018
Coppa Campioni

Curacao Neptunus, l’altra finalista che Rimini vorrà detronizzare


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2018 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy