Baseball.it

Marco Mazzieri: «Ripartirò con un progetto nella mia Grosseto»

di Maurizio Caldarelli
L'ex tecnico dell'Italia parla dei programmi futuri e di quello che servirà al nostro baseball per trasformare la professionalità e la credibilità acquisita negli ultimi 10 anni in maggiore visibilità per il movimento
Marco Mazzieri nel dugout dell'Italia con il pitching coach Sweeney
Marco Mazzieri nel dugout dell'Italia con il pitching coach Sweeney
© MG Oldmanagency

Marco Mazzieri, il manager della nazionale che ha salutato al termine del World Baseball Classic, dopo dieci anni sulla panchina azzurra vissuti intensamente, ripartirà con un progetto a Grosseto, in quello che è stato il suo stadio da quando aveva 14 anni.
«Adesso ho voglia di riposarmi un pochino - dice il tecnico toscano - poi vorrei mettere insieme un gruppo di persone. Non è un segreto: mi piacerebbe in qualche modo ricreare entusiasmo a Grosseto e far rinascere una piazza importante per il baseball italiano. Ho fatto un giro di telefonate, vediamo cosa succede. Io sono dentro lo stadio Roberto Jannella dal 1976-77: ci ho passato tutta la vita, ci sono diventato grande. Mi piacerebbe fare qualcosa per far rinascere Grosseto».
Con Mazzieri il discorso è nuovamente scivolato sui dieci anni in azzurro, sul fatto che grazie al lavoro dell'allenatore i giocatori sono diventati più professionali, più credibili.
«Io credo - spiega Mazzieri - che ci siamo guadagnati una credibilità a livello internazionale che non c'era e la decisione di ex giocatori come Punto e Catalanotto o dello stesso Sweeney a voler far parte di questo gruppo, come coach al World Classic, ne è la dimostrazione. Se uno come Descalso, che ha vinto le World Series, alza il telefono e chiede di venire a giocare per l'Italia perché ci tiene, è un questione di grossa credibilità, come un altro dei successi, che non sono vittorie e sconfitte. Un altro indizio: quando chiediamo in giro per il mondo ospitalità, come è stato quest'anno con Oakland che ci hanno messo in capo tutto il loro centro di preparazione, è un biglietto da visita, che sarà bene sfruttare da ora in poi.
Come si può trasformare questa credibilità in visibilità e crescita del movimento italiano?
«Bisogna rendersi conto che se vogliamo vendere il prodotto baseball bisogna invogliare la gente ad andare allo stadio. Lo spettacolo da mettere in campo è importante ma sono importanti anche altre cose: se in America è un passatempo. E' vero che hanno una cultura del baseball maggiore della nostra, però è anche vero che andare al campo di baseball non è solo andare a vedere la partita. Se vogliamo riportare la gente sugli spalti, bisogna anche trovare il modo di far passare 2-3 belle ore di tempo alle persone. In questi anni le società spesso si sono purtroppo trovate a fare i conti con budget limitatissimi e hanno indirizzato quei pochi soldi da una parte piuttosto che dall'altra. Il bello del baseball è anche il campo vero e proprio. Il campo è una bellezza. E non te ne rendi conto se continui a tenere erbacce, dugout che fanno schifo, l'erba all'esterno che fa schifo quando viene inquadrato dalle telecamere. Perché sembra tutto più bello quando vai all'estero o perché i nostri giocatori sembrano più bravi quando li vedi in televisione? Perché è l'ambiente che ti circonda a farti dare di più e meglio. Occorre mettersi intorno ad un tavolo, tirarsi su le maniche e guardarsi in faccia. Vogliamo far migliorare questo baseball? Bisogna passare anche da questo qua. E' vero c'è da allargare la base, l'alto livello, ma dobbiamo pensare a far star bene le persone, creare delle aree ristoro».
NO ALLE DUE GARE. «Per quello che riguarda il campionato non mi trova d'accordo la decisione di ridurre a due incontri settimanali, il venerdì e sabato. Io sarei rimasto a tre ed anzi avrei trovato il modo di fare la quarta partita, magari la domenica pomeriggio. I nostri ragazzi, che fanno salti mortali per essere presenti, si trovano nei tornei internazionali a giocare nove volte in dieci giorni e sono in grave difficoltà con un campionato che non li prepara adeguatamente. Diventa difficile sviluppare talento con poche gare. Con due partite alla settimana dimentichiamoci di poter alzare il nostro livello».
In particolare Mazzieri fa presente un grosso problema, i lanciatori: «Questa è la nostra pecca, è inutile che ci nascondiamo e io non so nemmeno cosa fare: se non riusciamo a sviluppare lanciatori nostri diventa difficile. Negli ultimi dieci anni non ne è venuto fuori nessuno che non siano stati Maestri, che però dopo qualche anno se n'è andato all'estero, o Tiago Da Silva, poi trasferitosi in Venezuela e Messico dopo il Classic 2013. Panerati ha fatto delle buone stagioni, poi con i vari infortuni che gli sono capitati, ma ci sono mancate le sue prove del 2011 e del 2012. Non è che abbiamo così tanti lanciatori di livello e per competere a livello internazionale servono i lanciatori».
Licenza Creative Commons È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it.
Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.
COMMENTA L'ARTICOLO
Il commento prima di essere visibile dovrà essere confermato attraverso l'indirizzo e-mail inserito nel modulo

24 giu 2018
Serie A1

Pirati, riscatto con gli interessi

23 giu 2018
Serie A1

L'Unipolsai dilaga a Sesto Fiorentino

23 giu 2018
Serie A1

Doppio di Mercuri e due errori: vince il Città di Nettuno

23 giu 2018
Serie A1

Per Rimini terzo inning fatale contro il ParmaClima

22 giu 2018
Serie A2

Il derby lombardo Bollate-Senago infiamma la prima di ritorno in A2

22 giu 2018
Serie A1

Per l'Unipolsai doppia partita a Sesto Fiorentino

21 giu 2018
Playball

Un fine settimana per palati fini con un gustoso derby Parma-Rimini

21 giu 2018
Serie A1

Parma-Rimini? Un big-match dove gli episodi risulteranno decisivi

21 giu 2018
Serie A1

Dal Titano al Tirreno, i numeri della sfida S. Marino-Nettuno

19 giu 2018
Baseball e TV

L’analisi dopo il "giro di boa” al Bar del Baseball - Extrainning

18 giu 2018
Serie A2

Le big di serie A2 fanno la voce grossa anche nell'ultima di Intergirone

17 giu 2018
Campionato Olandese

“Mister Kordemans”: con 1949 strike-out è il nuovo re d’Olanda

17 giu 2018
Punto e a capo

Bologna e Rimini continuano a volare, dietro è lotta a tre per i play off

17 giu 2018
Serie A1

Nettuno si prende la rivincita sul ParmaClima

17 giu 2018
Serie A1

T&A, doppietta per ripartire

17 giu 2018
Serie A1

Rimini di prepotenza

17 giu 2018
Serie A1

Ancora un bis per l'Unipolsai

16 giu 2018
Serie A1

Hernandez, sregolatezza e genio

16 giu 2018
Serie A1

Casanova-Lupo accoppiata vincente

16 giu 2018
NCAA

College World Series, la prima volta di Bocchi

16 giu 2018
Serie A1

UnipolSai bene a Padova

15 giu 2018
Major Leagues

Gli Houston Astros alla conquista del West…

15 giu 2018
Serie A2

Il Maremà Grosseto vuole dare un calcio alla crisi con Collecchio

15 giu 2018
Serie A1

T&A, dimenticare la retrocessione in Coppa

14 giu 2018
Serie A1

Il Rimini riparte dal campo del City


_______
Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2018 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy