Baseball.it
BaseballNow by Mino Prati

La strada verso il dopo-Fraccari

di Mino Prati
Ballottaggio praticamente certo. Al secondo giro gli ordini di scuderia potrebbero valere zero, sempre che chi perde non se ne vada subito a casa
Domani, a Salsomaggiore, per il baseball e il softball italiani inizia il dopo-Fraccari. Di che colore sarà? Rosa(eo), "giallo", verde (speranza), nero? Classica domanda, mal posta, senza risposta.
Oggi, a tutti, piacerebbe sapere a chi il dopo-Fraccari sarà affidato: un quesito altrettanto stupido.
A sentire i diretti interessati, chi direttamente chi per interposta persona, sarebbero tutti sul filo della maggioranza assoluta. Tradotto in numeri, vorrebbe dire che su un ipotetico 100, fra società atleti e tecnici, dovrebbero votare in 150. Cosa ovviamente impossibile anche per chi non è molto amico della matematica. Ovvio, comunque, che alla vigilia sia così. Soprattutto in elezioni in cui l'esito è il meno pronosticabile da quando Dalla Noce riuscì a scalzare dal trono Notari nel 2001. E questa volta non c'è nessuno da abbattere.
Con tre candidati sulla porta, io una mia idea me la sono fatta, per quel che può valere.
1) Lo zoccolo "fraccariano" esiste, ed è con Fochi. Quanto questo - lo zoccolo intendo - sia duro lo sapremo solo col primo spoglio dei voti, domani. I numeri che otterrà la lista-Fochi, in positivo o in negativo, penso saranno una sorpresa, per molti.
2) Il ballottaggio è inevitabile: al primo turno non vedo qualcuno che possa raccogliere il cinquanta per cento più uno.
3) Al secondo giro come potrebbe andare? Altra bella domanda.
Per quanto con una comune genealogia antifraccariana, non riesco a vedere un "Fochi-mai", all'insegna del cambiamento, che metta assieme LaCremona e CangeUp, nel caso uno di questi due gruppi fosse quello out.
Potrebbe esserci un pro-Antolini, contro Marcon, da una certa parte di "fochiani", ma l'esatto contrario per l'altra fetta.
Discorsi senza senso? Probabile.
E' molto facile che una parte di chi "perde" se ne vada subito a casa. Non ci sono precedenti di ballottaggi a cui far riferimento, ma giova ricordare come nelle elezioni federali - sostanzialmente sempre, salvo qualche sporadico caso personale - i consiglieri sono stati eletti con un numero di votanti ampiamente inferiore a quelli del presidente.
Chi resterà a rivotare dovrà decidere il suo personale "minore dei mali", con ordini di scuderia che però - secondo me - varranno molto meno. Saranno voti sparsi, ma non per questo quantitativamente scarsi, che possono cambiare la scala di valori uscita dal primo turno, nel cercar di arrivare sempre a quel cinquanta per cento più uno dei voti presenti in assemblea.

...O no?

Redazione Baseball.it

BASEBALL.IT è una testata giornalistica online regolarmente registrata al Tribunale di Bologna che si avvale della collaborazione volontaria e a titolo gratuito di giornalisti, esperti e semplici appassionati il cui obiettivo principale è quello di raccontare il baseball italiano e internazionale.

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti di BASEBALL.IT sono pubblicati sotto la licenza "Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia".
Se anche tu desideri collaborare ed entrare a far parte del nostro staff, contattaci con l'indicazione degli argomenti specifici su cui ti piacerebbe contribuire.
È consentita la diffusione in qualunque forma degli articoli e dei dati pubblicati sul sito www.baseball.it. Tuttavia si richiede che la riproduzione sia completa e non parziale, che comprenda nome, cognome dell'Autore e pagina web dell'articolo riprodotto.

© 1998-2018 - Baseball.it di Alessandro Labanti | Reg. n° 7419 del 26/3/2004 Tribunale di Bologna - Direttore Responsabile Filippo Fantasia - Privacy Policy