Parigi o cara

L’Esecutivo del CIO accoglie la proposta del Comitato Organizzatore delle Olimpiadi 2024 per inserire nel programma breakdance, surf, arrampicata e skateboard. La decisione definitiva a dicembre 2020

www.olympic.org
CIO
© www.olympic.org

Se qualcuno sperava ancora in un’ultima – residua, minima – possibilità per un baseball alle Olimpiadi di Parigi 2024 oggi ha ricevuto, in pratica, l’ultimo colpo.
Come riporta il sito del CONI «Il Comitato Esecutivo del CIO ha accettato la proposta, avanzata dal Comitato Organizzatore di Parigi 2024, relativamente all’inserimento di 4 nuove discipline (breakdance, surf, arrampicata e skateboard) nel programma olimpico della XXXIII edizione dei Giochi Olimpici Estivi. “Tutti e quattro gli sport proposti sono chiaramente in linea con l’Agenda 2020 olimpica. Contribuiscono a rendere il programma dei Giochi più equilibrato a livello di genere, più giovane e più urbano. Offrono l’opportunità di entrare in contatto con la giovane generazione”, ha dichiarato il presidente del CIO Thomas Bach. “In attesa dell’esito della Sessione CIO, è importante notare che gli sport saranno inclusi provvisoriamente. La decisione finale sarà presa solo alla fine del 2020”.
“Quando abbiamo preso in considerazione le nuove discipline per la nostra proposta, siamo stati guidati da tre principi: sostenibilità, sport che parlano ai giovani e quelli che riflettono l’identità di Parigi 2024”, ha affermato Tony Estanguet, Presidente di Parigi 2024. “Volevamo scegliere sport popolari che fossero inclusivi, accessibili e promuovessero la creatività. Crediamo che questi quattro sport siano un’opportunità per portare nuovo pubblico ai Giochi Olimpici”.
La breakdance e l’arrampicata sportiva erano stati già inseriti nel programma dei Giochi Olimpici della Gioventù di Buenos Aires 2018, mentre lo skateboard, l’arrampicata sportiva e il surf faranno il loro debutto nel programma olimpico di Tokyo».
La proposta, adesso, dopo il vaglio della Sessione CIO e le successive osservazioni che potranno essere maturate anche in occasione dei Giochi di Tokyo 2020, sarà definitivamente valutata dal Comitato Esecutivo del CIO prevista a dicembre 2020.

Mino Prati
Informazioni su Mino Prati 627 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.