Winter League: Fortitudo campione, a San Martino decise le finaliste

I bolognesi stravincono il girone Allievi Centro sul Crazy Sambonifacese, mentre nel Veneto Ovest la seconda giornata di qualificazione ha detto Codogno e Dynos Verona

Fonte: Winterleague

Winter League
La Fortitudo campione allievi-nord
© Winter League

A San Martino Buon Albergo (VR), la seconda giornata qualificatoria della Winter League Veneto Ovest 2019, ha visto qualificate per la finale di domenica 24 febbraio le squadre del Codogno e dei Dynos Verona. Nella prima gara della giornata Dynos e Codogno sono già avversarie ed a prevalere è la prima per 4-3 con i lanciatori Gelmini e Zanelotti in “chiaro scuro”, molte BB ma anche un buon numero di K. Nella seconda gara Codogno e Brescia pareggiano 3-3 nonostante Lettieri sul monte e Zaffi e Zanelotti in battuta, tutti del Codogno, si distinguano per K e battute valide. Gara 3 vede ancora un pareggio, tra Brescia e Dynos, con attacchi avari e difese particolarmente fallose; solo una valida di Defendi in tutta la partita. Gara di ritorno tra Codogno e Dynos che vede prevalere i primi per 1-0. Il punto del Codogno è propiziato da un bel doppio di Zaffi portato a casa dal compagno Lettieri. In gara 5 Codogno prevale facilmente su Brescia per 7-1 battendo 4 valide con Lettieri, Rancati, Giancone (doppio) e Granata e zittendo l’attacco bresciano ancora con Lettieri e i suoi 6 K in 2 innings. Nell’ultima gara della giornata Dynos prevale su Brescia per 6-4. Sugli scudi Avola e Manfredini per Brescia, Gelmini, Busetto e Griguolo per Dynos. A fine giornata Codogno e Dynos totalizzano entrambe 5 punti, ma Codogno passa come prima grazie al miglior rapporto punti subiti/difese giocate. Domenica prossima 24 febbraio la Finale Veneto Ovest, cui parteciperanno anche San Martino Jr e Crazy Sambonifaciese, determinerà chi accederà alla finale nazionale di Bologna.

A Bologna di scena la Finale Allievi. Si comincia come di consueto con le partite che assegnano i posti di rincalzo. Nella finale per il 9°/10° posto il Castenaso Baseball ha avuto ragione del Tozzona Imola (3-2) in una partita decisa all’ultimo. I Goti prevalgono sugli Athletics (5-2) aggiudicandosi il settimo posto, al termine di una partita assai equilibrata. Senza storia la finale per il quinto posto con il San Marino che ha avuto vita facile sul Padule Sesto Fiorentino (4-0.

Dopo le finaline sono andate in scena le semifinali per il titolo, le partite più spettacolari della giornata. Nella prima la Fortitudo Bologna ha avuto ragione del Ravenna Baseball (1-0) al termine di una partita in cui i lanciatori hanno lasciato letteralmente le briciole agli attacchi, con la partita decisa dalla sola valida bolognese di Varignana che spinge a punto Marzari in base per colpito al primo inning. Bella anche la seconda semifinale tra Itas Adriatic LNG Rovigo e Crazy Sambonifacese. Sulla falsariga del match precedente i due partenti non concedono quasi nulla. Il Crazy manda più uomini in base, tra valide (3) e basi gratis (3), ma Taschin, da buon figlio d’arte, ne coglie ben tre fuori base per altrettante eliminazioni e chiude il suo lavoro dal monte senza punti subiti. Il Rovigo invece capitalizza le due valide iniziali per segnare un punto al primo inning. Al cambio dei lanciatori però la situazione si ribalta. Il monte del Rovigo subisce quattro valide e regala due basi per il sorpasso veronese (2-1), vantaggio che il rilievo del Crazy blinda con due strike outs finali.

Nella finale per il terzo e quarto posto il Rovigo ha poi avuto ragione del Ravenna (4-1) grazie ad una maggiore incisività in attacco, 4 valide contro 1. Nella finalissima la Fortitudo Bologna ha dimostrato la sua forza vincendo con un netto 10-0 al quarto inning sul Crazy Sambonifacese. Senza storia l’incontro con la coppia Merolla-Martelli che concede un solo arrivo in base in 3 inning mentre l’attacco bolognese fa sfracelli del monte veronese. Ben 8 dei 10 ragazzi mandati in campo dal duo di allenatori Luca Draghetti e Carmelo Merolla hanno colpito valido, sulla falsariga di quanto fatto vedere in tutto il torneo.

Premi individuali quasi scontati, anche se le statistiche sono strane a volte, ma non ieri: Filippo Merolla miglior lanciatore e Giacomo Taschin miglior battitore, indiscutibilmente i migliori nei rispettivi ruoli.

Commenta per primo

Lascia un commento