Venezuela e Panama le due imbattute

Nella Serie del Caribe un errore condanna i cubani del Las Tunas in una partita dominata dai lanciatori. I Cangrejeros de Santurce clamorosamente rimontati e battuti dai Toros de Herrera

Prensa Cardenales de Lara
Cardenales de Lara (lvbp.com)
© Prensa Cardenales de Lara

A “fine andata” la situazione nella Serie del Caribe è questa: nel Gruppo A, Venezuela due vinte, Cuba una, Messico a zero; nel Gruppo B, Panama 2-0, Dominicana 1-1, Porto Rico 0-2.

Fra Las Tunas e Lara è finita 1 a 0 per i venezuelani, che hanno avuto la meglio grazie ad un errore avversario che ha permesso ai Cardenales di segnare il punto decisivo al 7° senza battere valido.
Fino a quel punto, e in definitiva anche dopo, a dominare sono stati i lanciatori, con a sostegno del cubano Alvarez una difesa con più di un doppio gioco all’attivo. Solo zeri sul tabellone per i primi sei inning, con 3 valide a testa per gli attacchi, e partenti attorno ai 70 lanci.
L’episodio chiave, appunto, nella settima ripresa. Errore dell’interbase Ayala su Rivelo, cambio del pitcher con al posto di Alvarez Montalvo, base a Luis Jimenez, cambio di lanciatore con monte a Moinello, bunt di Querecuto, volata di De Aza a meritare il punto che sarebbe bastato. Cuba così ha perso con una valida in più – 4 a 3 – subendo sei out di fila per arrivare alla fine, affrontando Ricardo Gomez e Pedro Rodriguez.

Partita incredibile invece quella fra Porto Rico e Panama. Dopo l’equilibrio assoluto delle prime sei riprese (un punto per parte al 2° e basta), fra 6° e 7° i Cangrejeros de Santurce sono andati fin sul 6 a 1, salvo vedersi rimontare e sconfiggere – 8 a 7 – dai Toros de Herrera a segno 4 volte all’8° e 3 al 9°.
Le battute di Brian Navarreto e Dany Ortiz sembravano aver istradato l’incontro verso una facile vittoria dei portoricani. Nemmeno per idea.
Elmer Reyes, Guerra e Calderon in particolare si sono rivelati implacabili nel box. Panama prima è arrivata a un solo punto all’8° e nell’attacco successivo ha non solo pareggiato e sorpassato con un doppio di Hilton Calderon ma grazie a un singolo di Cordoba ha segnato quell’8-6 che sarebbe stato impossibile da recuperare per i Cangrejeros. Corpas infatti ha concesso solo un punto nell’ultima metà del 9°, guadagnandosi la salvezza.

Commenta per primo

Lascia un commento