Serie del Caribe, esordi vincenti per Cuba e Panama

Despaigne firma i tre punti di Las Tunas contro Charros de Jalisco. Orozco e Chin battono a casa il 4 a 2 dei Toros de Herrera sulle Estrellas Orientales

Roberto Morejón (www.jit.cu)
Alfredo Despaigne
© Roberto Morejón (www.jit.cu)

Cuba fatica a fare il ventisettesimo out ma Raidel Martinez ce la fa, e Las Tunas si mette in tasca la vittoria per 3 a 1 contro i Charros de Jalisco.
Blanco a lanciare (3 valide concesse nelle prime sette riprese) e Despaigne nel box (3 su 4, 3 punti battuti a casa su 3 totali) in pratica sono bastati. Quando il partente dei Lenadores ha lasciato la pedana i “rojos” cubani erano sul 3 a 0 – tutto a carico di Oliver – e per il Messico non c’è stata possibilità di rientro. Certo, anche Vladimir Garcia sul monte, anche Alomar e non solo nel box, hanno contribuito alla causa in maniera sostanziale.
Un singolo di Despaigne al 3° ha portato a un fondamentale 2-0 per Las Tunas, e ancora una sua valida al 5° è stata quella del 3-0. Tanto è stato sufficiente. La valida di Jesus Valdez al 9° ha solo rotto evitato il cappotto.

Panama pure ha esordito nella Serie del Caribe con un successo: 4 a 2 sulla la Repubblica Dominicana. I Toros de Herrera sono andati in vantaggio una prima volta al 2°, con il solo Homer di Guerra. Quindi hanno raddoppiato al 4° nonostante un partente delle Estrellas Orientales, Maya, che in cinque inning ha concesso solo 4 valide, 1 base e ottenuto 6 strikeout. Nel secondo punto della formazione di casa, su volata di Galvez, c’è l’aiuto di un errore del seconda base Gustavo Nunez.
I dominicani hanno riportato il match in parità al 6° con un singolo da 2 punti di Espinal, su Severino Gonzales, primo rilievo per Arauz, che in due terzi di ripresa ha concesso 2 basi e 3 valide. I Toros hanno risposto però per le rime,con il 3 a 2 su singolo di Orozco e il 4 a 2 con la valida di Chin, evitando altri punti con sulla pedana Andy Otero, Burgos e Manuel Corpas.

Oggi in programma Cuba – Venezuela e Panama – Porto Rico.

Commenta per primo

Lascia un commento