Ancora una battuta a vuoto per Marcon

Niente da fare: i format proposti dalla federazione continuano a non piacere abbastanza

In pratica ieri a Bologna si è parlato sostanzialmente di aria fritta, almeno quanto alla formula della serie A1 2019. La Federazione era partita con un'unica proposta: prima fase a 12 squadre su 2 gironi, seconda fase con pool-scudetto e pool-retrocessione entrambe a 6, serie di finale su 5 partite. Poi ha dovuto convenire che le famose "dodici" molto probabilmente non ci saranno. Un brutto colpo alle idee del presidente Marcon.
Alla riunione erano presenti Fortitudo Bologna, Parma 1948, Rimini, San Marino, Redupuglia, Castenaso, Godo, in videoconferenza il Città di Nettuno, il Nettuno City aveva delegato la Fortitudo. Il Padule c'era ma per dire che non si iscriverà, come hanno già dichiarato ufficialmente faranno anche il Padova e i neopromossi Redskins Imola. Così dalle 12 aventi diritto saremmo scesi già a 9. E il Senago non ha il campo, Grizzlies Torino e Bollate non ci pensano. Delle sconfitte nelle finali di A2 rimane il Macerata. Poi? Si è sentito parlare di Grosseto e Ronchi dei Legionari: ma in tutto quante ne potranno saltar fuori?
E' per questo che si è parlato anche, molto più realisticamente, di un campionato a girone unico, a otto o a 10, con semifinali e finale su 5 partite. Solo che poi non è altro che quello di quest'anno, come formula. Allora perché tutto sto casino.
E' il terzo fallimento di Marcon, sull'argomento, e sul diritto sportivo a salire, e programma di qui a fine mandato? Per il momento, no! O almeno non completamente.
Poteva esserlo se a qualcuna delle "famose sorelle", rimaste, fosse venuto in mente di riattaccarsi al discorso del ritorno alle tre partite settimanali. Ma questo ieri è stato solo sfiorato, diciamo pure quasi a mo' di battuta, e con la storia del no alla doppio passo non ci sarà nemmeno per la seconda fase, come invece sembrava dovesse essere alla riunione dello scorso 4 ottobre. Una bandiera ammainata di fronte al calo dei costi e delle spese.
Un fatto però è sicuro, così restando le cose – ovvero non si dovesse arrivare a 12 partecipanti – Marcon e i suoi dovranno ripensare tutto. Non possono, dopo due anni che ci hanno provato senza riuscirci, voler metter dentro al massimo campionato le squadre a calci. Debbono prendere atto che non sono riusciti a proporre un format appetibile ad una platea significativamente più ampia (anche perché non basta trovare momentaneamente il numero di pretendenti che aggrada oggi, per poi essere da capo fra 365 giorni: per guardare più avanti occorre che ci sia, sempre, almeno una richiesta di ammissione in più dei posti disponibili per poter dire di aver centrato l'obiettivo).

Mino Prati
Informazioni su Mino Prati 423 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società attualmente militante in serie B), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.

Commenta per primo

Lascia un commento