San Marino, con Nieve una freccia in più nell'arco 

Nanni e la sfida al Nettuno: "Non vediamo l'ora di cominciare"

"Non vediamo l'ora di cominciare". Marco Nanni è uno che a questi momenti è abituato, ma alla vigilia dell'avvio della "serie" di semifinale che vedrà la T&A sfidare l'Angel service Nettuno ammette:  "E' importante sentire quel qualcosa di diverso sulla bocca dello stomaco, solo così si può avvertire l’importanza del momento e dell’evento".

Al quale i padroni di casa, che avranno dalla loro il fattore campo, arrivano in leggero vantaggio nelle statistiche. Una media battuta migliore, sia pure di un nulla, maggiori punti spinti a casa e capacità di andare in base per ball, ma anche un pgl più rassicurante rispetto a quello dei nettunesi. Tutto si azzera, però, e allora San Marino ha nel suo arco forse la freccia più importante: il lanciatore Fernando Nieve, proveniente dalla lega messicana e con trascorsi in MLB.

“Nieve è pronto anche perché ha giocato fino al 10 agosto, lanciando praticamente un inning a sera, ma non è detto che debba fare per forza questo tipo di lavori qui da noi” – dice Nanni. Intanto il manager ha annunciato che la rotazione non cambia, palla a Quevedo in gara 1 e a Florian nel secondo incontro, poi si vedrà nel corso delle partite e soprattutto della "serie". Nettuno arriva sul Titano per strappare almeno una gara. Nei quattro incontri disputati in stagione regolare l'impresa alla formazione di D'Auria è riuscita una sola volta su quattro e per giunta al "Borghese". Nanni non sembra guardare a questo, afferma di avere massimo rispetto per gli avversari ma indica la strada da seguire: "L’importante sarà mantenere l’attitudine e l’atteggiamento che abbiamo avuto negli ultimi due mesi. Le chiavi saranno serenità e consapevolezza nei propri mezzi. Intelligenza e determinazione sono stati fondamentali nelle vittorie e nella striscia positiva, bisogna continuare su quel trend. In generale, mantenere positività”.

Si parte.

Commenta per primo

Lascia un commento