Sambucci-Cedeno, Bologna torna avanti

Due fuoricampo lanciano una cinica Fortitudo che poi con Rivero sul monte resiste al ritorno dei Pirati (4-5). Mayora va a centimetri dal pareggio, Rimini batte più del doppio ma non basta.

Un homer di Sambucci da 3 punti al 1°, il bis da 2 punti di Cedeno al 5°. Grazie a queste due prodezze, la UnipolSai vince gara3 a Rimini e riprende il vantaggio nella serie di finale scudetto. Il duello Escalona-Searle in pedana propone due pitcher tutt'altro che brillanti con il mancino dei Pirati severamente punito dalle due legnate oltre la recinzione che gli valgono 5 pgl ma anche l'aussie della Fortitudo pare lontano dalla brillante condizione mostrata nelle precedenti uscite.

I nerorancioni di Munoz vanno sotto 1-5 e sembra finita visto che Frignani vuole blindare la vittoria ricorrendo ai lanci di Rivero ma la Fortitudo deve soffrire non poco prima di festeggiare il secondo passo verso il tricolore. Rimini, che alla fine conterà ben 11 rimasti in base, segna un punto al 5° con la valida di Ramos (2-5) ma è al 7° che la clamorosa rimonta svanisce per questione di centimetri. Con Desimoni e Flores in base, la lunga legnata di Mayora colpisce infatti la recinzione a un soffio dal fuoricampo del pareggio, i Pirati segnano "solo" 2 punti e la rimonta si ferma lì perché all'8° c'è un'altra bella occasione sprecata.

Alla fine Bologna batte 4 valide (l'ultima è l'homer di Cedeno al 5°) contro le 9 riminesi e la sua difesa si conferma fallosa in queste finali (altri 3 errori) ma ciò che conta è il risultato finale e ora, male che vada, i biancoblù potranno quantomeno giocarsi le gare decisive al "Falchi". Intanto stasera si replica allo "Stadio dei Pirati" con gara4 per la sfida Hernandez-Zielinski.

Cristiano Cerbara
Informazioni su Cristiano Cerbara 338 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento