Parma ci crede ancora

Il Lino's Coffee passa a Rimini (1-6) con una gara quasi perfetta. Sanchez domina per 7 riprese, del terza base Benetti la giocata decisiva all'8° a togliere a Mazzanti un possibile doppio a basi piene. Homer per Romero e Sambucci

E' una vittoria meritata quella del Lino's Coffee Parma allo Stadio dei Pirati (1-6). La banda Munoz ha il merito di crederci sempre, appoggiandosi sulle spalle larghe di Josè Sanchez (7 inning da dominatore con 3 sole valide concesse e 3 basi) e giocando aggressiva in attacco. Lo spirito giusto per continuare a credere in questi playoff e magari anche farsi amica un pizzico di fortuna, quella che comunque è servita per piegare i Pirati nonostante il conto finale delle valide farebbe pensare diversamente (12-4 per i gialloblù).

L'inning chiave è il 2°. Sul monte neroarancione, Enrique Gonzalez non è lo sfavillante pitcher ammirato una settimana prima al "Falchi" ma con alle spalle una difesa più attenta, ben difficilmente sarebbero entrati i tre punti che di fatto decidono gara1 della serie. Dopo la valida di un positivo Camilo, che rompe il ghiaccio, tanto la battuta di Sambucci quanto quella di Poma sarebbero da doppio gioco, ma nel primo caso la cerniera neroarancione è troppo lenta mentre nel secondo, Santora si sposta per coprire il batti e corri e la grounder del figlio d'arte si trasforma in valida interna. Un Renato Imperiali in gran vena punisce (0-1) ma Zileri ci mette del suo pasticciando prima e sparando malamente in dug-out poi l'assistenza in terza (2-0). Scalera completa con una lunga volata che un non perfetto Salazar converte in triplo e per Rimini la frittata è fatta.

Gonzalez si riprende, salvo lasciare la pedana a fine 5° a Marquez, ma il problema è come fare punti a Sanchez, la solita macchina da strike. Ci riesce Alex Romero al 3°, con un violento giro di mazza che spedisce la pallina lontano all'esterno centro (1-3) ma è un fuoco di paglia, anzi è l'unica valida concessa dal partente ducale in 6 inning, prima dell'isolato singolo di Bertagnon al 7°. E con una tale produzione offensiva, è già tanto che la squadra di Catanoso resti in partita mentre il Lino's Coffee continua a mettere uomini sulle basi (anche con qualche contatto fortunoso) e a lasciarli (10 alla fine).

Eppure all'8° la partita potrebbe improvvisamente cambiare strada. Sanchez cala (singolo interno di Zileri e base a Santora) e Munoz si gioca la carta Loardi, mancino da opporre al mancino Romero. L'esterno venezuelano gira il primo lancio e Poma lo raccoglie a pochi centimetri dalla valida. Adesso tocca a Toledo che però manda subito in base Salazar e con le basi piene, un out e Mazzanti nel box, ecco la giocata della partita: gran legno in anticipo dell'ex nettunese, sarebbe uno dei suoi classici doppi lungolinea se Benetti, con un'autentica prodezza, non lo fermasse in tuffo completando poi anche il doppio gioco. E al 9°, galvanizzato dalla super giocata del suo terza base, il Parma allunga su uno sconsolato Marquez grazie al solito Benetti (drag sulla terza), Camilo (valida con la mazza rotta) e al legno conclusivo di Sambucci (homer a sinistra e 1-6). Stasera si replica al "Cavalli".

IL TABELLINO DI BASEBALL.IT  

Cristiano Cerbara
Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento